Polemica Ama, Gigi Proietti ancora senza sepoltura 

 
Chiama o scrivi in redazione


Polemica Ama, Gigi Proietti ancora senza sepoltura 

Polemica Ama, Gigi Proietti ancora senza sepoltura

Gigi Proietti, morto lo scorso 2 novembre, dopo quasi sette mesi, non ha avuto una sepoltura. La notizia è stata riportata da Repubblica ieri mattina, lasciando sconvolti i fan dell’attore e regista romano.

A tal riguardo si è espressa l’Ama, l’agenzia romana che si occupa della gestione cimiteriale, spiegando che le operazioni di sepoltura sono decise dagli stessi parenti dell’attore.

Diversi i personaggi, anche politici, che ne hanno parlato, tra questi Carlo Calenda, il candidato sindaco che ha definito “uno sconcio” la mancata sepoltura, fino al leader della Lega, Matteo Salvini, che parla della situazione come “dolorosa, umiliante, intollerabile, indegna di un Paese civile”.

L’attore doveva essere seppellito nel cimitero Acattolico di Roma, dove però ad oggi le sue ceneri non ci sono. Secondo quanto ricostruito da Repubblica, l’urna potrebbe trovarsi temporaneamente nel cimitero di Porchiano, in Umbria, dove i genitori di Gigi Proietti, Romano e Giovanna, riposano.

LEGGI ANCHE – E’ morto Gigi Proietti, noto attore romano, tante volte in Umbria

Calenda continua: “Si è fatto a gara di retorica, si sono intitolati teatri e poi non si riesce a seppellire perché a Roma non si è in grado di tumulare i morti. Questo capita perché nella nostra città, da anni, si aspettano investimenti per costruire nuovi cimiteri. In un Paese normale, in una città normale, il sindaco che è proprietario dell’Ama, la municipalizzata che gestisce i cimiteri e fa questo disastro, viene fatto dimettere a furor di popolo”.

Si aggiunge il consigliere capitolino della Lega, Davide Bordoni, che annuncia un’interrogazione alla sindaca Virginia Raggi.

La sindaca di Amelia ha fatto chiarezza sull’accaduto: “Mi hanno telefonato da tutta Italia – ammette Laura Pernazza – ma le ceneri di Gigi Proietti non sono mai arrivate a Porchiano del Monte. Il cimitero del borgo dipende dal nostro Comune e gli impiegati mi hanno confermato che non c’è nulla del genere. Colgo l’occasione per dire alla famiglia Proietti che per noi sarebbe un onore accoglierlo nel cimitero di Porchiano, ma è solo un auspicio”.

Il Maestro era stato cremato il 10 dello stesso mese e le ceneri consegnate l’11 alla famiglia. Diversi sono stati i sopralluoghi dei tecnici Ama-Cimiteri Capitolini e i congiunti dell’artista romano in più aree del Cimitero Monumentale del Verano. La scorsa settimana, inoltre, la famiglia Proietti ha chiesto la concessione di un’area per edificare una cappella nella zona nuova del Verano, dove sono seppelliti i più illustri artisti e rappresentanti d’Italia, tra cui la famiglia Garibaldi e Goffredo Mameli.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*