Detenuti, 4 per cento è psicotico il 65 ha disturbi personalità, il 10 depresso

 
Chiama o scrivi in redazione


Detenuti, 4 per cento è psicotico il 65 ha disturbi personalità, il 10 depresso

Detenuti, 4 per cento è psicotico il 65 ha disturbi personalità, il 10 depresso

Il 4% dei detenuti è affetto da disturbi psicotici, contro l’1% della popolazione generale. La depressione colpisce il 10% dei reclusi, mentre il 65% convive con un disturbo della personalità. Significativa, infine, la percentuale di popolazione carceraria che soffre di disturbo da stress post-traumatico, con particolare riferimento ai detenuti migranti: si va dal 4% al 20%.  II dati sono stati comunicati oggi dall’agenzia nazionale DIRE.

© Protetto da Copyright DMCA

Da queste necessità nasce il progetto ‘Insieme – Carcere e salute mentale’, avviato a fine 2016 come risposta concreta all’isolamento e lo shock che la detenzione può veicolare, facendo esplodere o aggravando le malattie mentali.

“Nelle carceri il problema è molto delicato-spiega Enrico Zanalda, presidente della Società italiana di psichiatria (Sip)- Sicuramente il tasso di disturbi psichici è molto elevato ma è anche legato a disturbi che non hanno influenza sulla commissione del reato. Legati, piuttosto, alla condizione di detenzione. E quindi vanno trattati dal personale che assiste i detenuti all’interno del carcere”.

Il progetto ‘Insieme‘ ha coinvolto 16 istituti penitenziari italiani per 3 anni, giungendo alla pubblicazione di un Percorso diagnostico terapeutico assistenziale (Pdta) per una gestione unitaria e multidisciplinare dei disturbi psichiatrici nelle carceri italiane.

L’esigenza a cui il progetto mira, dunque, è quella di “una stretta collaborazione fra le diverse figure professionali, che sono coinvolte nella gestione del paziente-detenuto”, commenta Massimo Clerici, presidente della Società italiana di psichiatria delle dipendenze.

Il progetto, promosso dalla Società italiana di medicina e sanità penitenziaria, con il patrocinio della Società italiana di psichiatria, della Società italiana di psichiatria delle dipendenze e con il supporto incondizionato di Otsuka e Lundbeck, non si chiude con il 2019. Nel 2020, infatti, l’impegno del board scientifico e delle aziende sponsor si concentrerà sulla realizzazione di una nuova fase progettuale in ambito Rems, che identifichi chiaramente un puntuale percorso formativo rivolto agli operatori tutti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*