Coronavirus ci evitano come appestati, anche Russia ed El Salvador

 
Chiama o scrivi in redazione


Coronavirus ci evitano come appestati, anche Russia ed El Salvador

Coronavirus ci evitano come appestati, anche Russia ed El Salvador

Italiani come untori del Terzo Millennio! Con l’avvento dell’epidemia da coronavirus, è la nostra pessima posizione nella classifica mondiale degli infetti e ammalati di Covid19, un attimo quello che era il Bel Paese, è diventato il lazzaretto del mondo. Un luogo dove i turisti non vogliono più venire e, peggio ancora, siamo diventati gente da non “frequentare“.

Questo maledetto virus, che quando è poco “cazzuto” è responsabile del raffreddore – più o meno forte – ora che è mutato ci sta facendo diventare gli untori del pianeta. La Russia, proprio in queste ore, ha messo in guardia i propri cittadini contro i viaggi in Italia.

In questa crudele lista di proscritti, in ogni caso, non siamo soli – e non è che ci consoli eh – con noi ci sono anche Corea del Sud e Iran.

La giustificazione del Kremlino sarebbe quella di motivazioni ” per cercare di contenere la diffusione del coronavirus nel Paese”. L’ autorità per la sicurezza dei consumatori, Rospotrebnadzor, ha esortato i russi a evitare di recarsi in questi Paesi “fin quando la situazione epidemiologica non si sarà stabilizzata”. Mosca aveva già sconsigliato i viaggi in Cina. Finora in Russia si registrano solo due casi di contagio, nessuna vittima.

Persino El Salvador con il suo presidente, Nayib Bukele – riferisce l’Agenzia nazionale di stampa associata – ha disposto come misura per prevenire il contagio da coronavirus il divieto di ingresso nel Paese per le persone in viaggio da Italia e Corea del Sud.

A renderlo noto il quotidiano La Prensa Grafica, precisando che il capo dello Stato ha anche ordinato che quanti sono entrati in territorio salvadoregno negli ultimi giorni siano posti in quarantena.

Via Twitter Bukele ha assicurato che la decisione è già stata notificata alla Direzione generale della Migrazione ed è quindi già in vigore su tutto il territorio nazionale.

Il capo desso Stato, dopo aver ribadito i termini del divieto, ha aggiunto che i cittadini italiani o sudcoreani che già sono entrati nel Salvador di recente, e quelli a cui non è stato possibile impedire l’ ingresso, resteranno in quarantena per un mese mentre si determina che non sono portatori del virus.

Più in generale, le autorità salvadoregne applicheranno per gli ingressi nel Paese controlli in porti e aeroporti in linea con i protocolli sanitari disposti dall’ Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*