Arrivano da fuori regione a Marsciano? Sanzione e quarantena per loro

 
Chiama o scrivi in redazione


Arrovano da fuori regione a Marsciano? Sanzione e quarantena per loro
Sindaco Francesca Mele

Arrivano da fuori regione a Marsciano? Sanzione e quarantena per loro

A seguito dell’attività di monitoraggio messa in campo dal Comune e dalle Forze dell’ordine è stato accertato, nel tardo pomeriggio di ieri, 29 aprile 2020, il rientro, nel territorio comunale, di una famiglia proveniente da fuori regione. L’intervento delle Forze dell’ordine ha portato a verificare come lo spostamento fosse in violazione della vigente normativa per il contenimento della pandemia e, quindi,all’emissione della relativa sanzioneamministrativa.

Oggi è stato inoltre emesso, con una ordinanza del sindaco Francesca Mele, anche il provvedimento di isolamento domiciliare per i 5 componenti della famiglia, fermo restando che a carico di nessuna delle persone coinvolte risultano pregressi provvedimenti di quarantena. La misura attivata dal sindaco interviene, quindi, in via cautelativa e preventiva sempre al fine di tutelare la salute pubblica e attuare le più idonee ed efficaci strategie per il contenimento del rischio di contagio.

“Ci troviamo – afferma il sindaco Francesca Mele – a intervenire su un nuovo episodio di violazione delle limitazioni agli spostamenti delle persone, che rischia di vanificare i sacrifici che tutta la popolazione ha fatto e continua a fare per impedire la diffusione del coronavirus. La quarantena, che interviene tempestivamente, ci permetterà di monitorare e contenere eventuali rischi e saranno immediatamente attivate anche tutte le misure di profilassi sanitaria necessarie e previste dalle stessenormative”.

Il Comune ricorda alla popolazioneche sono tuttora vigenti le misure più restrittive relative agli spostamenti delle persone e che sul territorio sono attivi i controlli delle Forze dell’ordine e il monitoraggio della Protezione civile. Si invitano quindi tutti i cittadini al rispetto dei comportamenti richiesti per la tutela della salute pubblica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*