Terni, salta la seduta per la cessione delle quote Asm in Sii

 
Chiama o scrivi in redazione


Terni, salta la seduta per la cessione delle quote Asm in Sii

Terni, salta la seduta per la cessione delle quote Asm in Sii

Alle 16.50 di oggi il presidente del consiglio comunale Francesco Maria Ferranti, al secondo appello, ha constatato la mancanza del numero legale e ha annullato la seduta. Tra i punti all’ordine del giorno la cessione di parte delle quote Asm nella Sii.

Il presidente Ferranti: “Voglio puntualizzare quello che è accaduto oggi, il regolamento prevede due appelli a distanza di 30 minuti l’uno dall’altro. Al secondo ho constatato che non c’erano 17 consiglieri. Ho infine invitato il presidente del Comitato No inceneritori a non intervenire in aula in maniera arbitrarria ma a chiedere una regolare audizione che mi sono impegnato a svolgere nel giro di 48 ore”.

Ore 17.10 Al termine si sono succedute alcune dichiarazioni dei gruppi consigliari.

“Siamo stati determinanti – dichiara il gruppo Uniti per Terni – nella mancanza del numero legale, per noi si tratta di un atto doveroso nei confronti di tutti coloro che su questa vicenda chiedono trasparenza e il rispetto di tutta la normativa. E’ una vicenda complessa, occorre che l’Amministrazione Comunale dica con grande chiarezza che cosa vuole fare di Asm e come intenda gestire nel futuro l’idrico che non può essere appannaggio di un privato”.

“E’ una grande vittoria della città – dichiara Senso Civico – Terni si riprende la sua titolarità su una vicenda essenziale come quella di un bene essenziale quale l’acqua. E’ una vittoria di tutte quelle forze che hanno chiesto trasparenza, approfondimento, dibattito. Non si può alienare una presenza strategica, determinanete, con tanta disinvoltura”.

“Le numerose lacune evidenziate durante i lavori in commissione di una operazione che si voleva assicurare in una rapidità alquanto anomala – dichiara il Movimento Cinque Stelle –  hanno fatto si che la maggioranza non abbia raggiunto il numero legale. Comprendo i dubbi di tanti consiglieri a fronte di una operazione ancora da chiarire in molti aspetti, in particolare sul futuro dell’idrico quale bene essenziale della comunità ternana. C Volendo sintetizzare la giornata di oggi con una battuta questa operazione fa acqua da tutte le parti come purtroppo molte delle reti idriche”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*