Medicina, suscettibilità a stress, italiani scoprono proteina ‘spia’

Ricercatori Iss, 'potenziale marcatore, se si riduce nel sangue più rischio malattie correlate, specie in donne'

Medicina, suscettibilità a stress, italiani scoprono proteina 'spia'

Medicina, suscettibilità a stress, italiani scoprono proteina ‘spia’

Medicina – Perché lo stress può far male ad alcuni mentre altri sembrano essere più indenni all’impatto di questa ‘forza negativa’? Uno studio italiano potrebbe fornire una risposta a questa domanda. Un team di ricercatori della Penisola ha infatti individuato un potenziale marcatore di suscettibilità allo stress, una proteina che potrebbe diventare una ‘spia’ d’allarme. Una riduzione nel sangue di MECP2 – questo il nome della proteina sotto la lente – sembrerebbe favorire il rischio di sviluppare patologie stress-correlate, in persone, soprattutto donne, che, durante l’infanzia o l’adolescenza, abbiano vissuto esperienze particolarmente avverse. A questa conclusione sono giunti i ricercatori del Centro di riferimento per le Scienze comportamentali e la Salute mentale dell’Istituto superiore di sanità (Iss), in uno studio pubblicato su ‘Translational Psychiatry’, suggerendo che Mecp2 possa essere un marcatore di suscettibilità allo stress.

Al centro delle indagini la proteina ‘Methyl-CpG binding protein 2’, fondamentale per il funzionamento delle cellule nervose, nota perché alcune mutazioni del gene che la codifica sono la principale causa della Sindrome di Rett, una malattia neurologica rara, molto grave, che colpisce fin dalla prima infanzia prevalentemente il genere femminile. “Oggi sappiamo che questa proteina, oltre a essere implicata in numerosi processi del neurosviluppo, svolge un ruolo fondamentale nel determinare gli effetti che l’ambiente in cui viviamo ha sul nostro organismo, suggerendo un suo coinvolgimento nei processi che predispongono allo sviluppo di psicopatologie indotte dall’esposizione a eventi stressanti nel corso della vita”, evidenziano gli esperti.

Sulla base di queste evidenze, i ricercatori hanno analizzato i livelli di Mecp2 in campioni di sangue di 63 persone clinicamente sane. I risultati hanno confermato le loro ipotesi, cioè che esiste una connessione tra i livelli ridotti di Mecp2 e gli esiti disadattivi – quali ansia e depressione – delle esperienze avverse vissute in infanzia, e che tale legame è più forte tra le donne. Ulteriori studi finalizzati ad approfondire i meccanismi alla base di questa associazione potranno svelare nuovi bersagli per l’implementazione di interventi preventivi personalizzati, osservano i ricercatori, ricordando che i disturbi mentali rappresentano un grave problema di salute pubblica.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, una persona su 8 in tutto il mondo soffre di condizioni come ansia, disturbi dell’umore o disturbi legati ad eventi traumatici e stressanti. L’accesso alle cure è limitato e, spesso, chi non riceve assistenza sviluppa importanti disabilità e va incontro a morte prematura dovuta a condizioni fisiche altrimenti prevenibili o a suicidio.

(Lus/Adnkronos Salute)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*