Vaiolo scimmie, una sorta di epidemia, ma non sarà mai come Covid

'Non è un virus che ha il potenziale di creare milioni di casi'

Vaiolo scimmie: Falcone, 'c'è una sorta di epidemia, ma non sarà mai come Covid'

Vaiolo scimmie: Falcone, ‘c’è una sorta di epidemia, ma non sarà mai come Covid’

“Questa è un’infezione che si conosceva già, abbiamo registrato dei casi sporadici già negli anni passati. Quello che è relativamente nuovo è che c’è una sorta di epidemia, un focolaio” di casi umani di vaiolo delle scimmie “che sembrerebbe essere sorto proprio in Spagna in un’isola delle Canarie, che ha interessato persone di varie nazioni che poi sono rientrati nei loro paesi di origine con questa infezione”.

A fare il punto è Marco Falcone, professore associato di malattie infettive all’Università di Pisa e segretario della Simit, la Società italiana Malattie infettive e tropicali è intervenuto nel programma ‘Gli Inascoltabili’ in onda su New Sound Level fm90. “Ma non si ripeterà mai una situazione neanche minimamente simile a quella del Covid”, ha precisato: “probabilmente avremo altri contagi ma non vedo la marea che monta oppure una problematica tale da rendere difficile la convivenza civile”, ha aggiunto.

Foto di Sekau67 da Pixabay

“Questo rispetto al Covid non è un virus che ha il potenziale di creare milioni di casi. Però – ha rimarcato Falcone – se sfugge, inizia a diffondersi nella popolazione perché si passa da marito a moglie, da compagno a compagna, da fratello a sorella, perché magari condividono gli stessi spazi, la stessa casa. Questo va impedito, i casi vanno identificati e messi in isolamento, ma la malattia di per sé non è particolarmente violenta perché decorre come un’influenza che si cura con gli antipiretici e gli antiinfiammatori”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*