Vaccino, l’Umbria ha i suoi primi 85 immunizzati, nei prossimi giorni tutti gli altri

 
Chiama o scrivi in redazione


Vaccino, l’Umbria ha i suoi primi immunizzati, nei prossimi giorni tutti gli altri

L’Umbria nel giro di una settimana avrà i suoi primi immunizzati al Coronavirus. Ieri si sono conclusi i richiami per il vaccino anti Covid nei vari ospedali umbri alle persone che sono state vaccinate per la prima volta il 27 dicembre. Sono infatti cominciate all’ospedale di Terni le somministrazioni delle seconde dosi al personale sanitario che aveva ricevuto la prima in occasione del Vaccine day del 27 dicembre.

© Protetto da Copyright DMCA

Terni: Nelle sale dedicate del Poliambulatorio della struttura – spiega l’Azienda ospedaliera – la responsabile dei team vaccinali, la professoressa Ilenia Folletti, ha coordinato i colleghi dell’equipe. “Tutto prosegue secondo quanto stabilito dalle procedure fissate dalla Regione” ha spiegato. “Riscontriamo – ha aggiunto – un’ottima adesione da parte del personale e una forte collaborazione tra tutti i team vaccinali”. Il primo a sottoporsi al richiamo è stato il dottor Carlo Vernelli, infettivologo del Santa Maria, poi è stata la volta del dottor Paolo Trotti, medico di medicina generale della Usl Umbria 2. “Ero desideroso di sottopormi al vaccino – ha spiegato Trotti – perché noi di medicina generale, come altri, siamo molto esposti sul territorio”. 

Perugia: La prima a ricevere la seconda dose, è stata la professoressa Daniela Francisci, direttore della struttura complessa di Malattie invettive, e poi a seguire gli altri professionisti sanitari, compreso il primo team vaccinale diretto dalla dottoressa Tiziana Fiordi. “Grazie alla pianificazione regionale abbiamo conservato tra il 30 e il 40 per cento delle ultime dosi disponibili in modo da avere tutti i vaccini necessari al momento del bisogno e non allungare il periodo tra la prima somministrazione e il richiamo” ha sottolineato Simona Bianchi, direttore sanitario dell’Azienda ospedaliera di Perugia.

Usl Umbria 2: Al “San Giovanni Battista” di Foligno hanno fatto il richiamo gli operatori dell’area nord dell’azienda Usl Umbria 2 (Foligno, Spoleto e Valnerina), mentre il team dell’azienda ospedaliera “Santa Maria” di Terni ha gestito la somministrazione delle seconde dosi al personale sanitario del territorio provinciale di Terni (distretti e ospedali di Terni, Narni-Amelia e Orvieto).

A Foligno il programma ha previsto sia la somministrazione di 13 seconde dosi al team e agli operatori vaccinati lo scorso 27 dicembre, che ha interessato 65 professionisti delle quattro aziende sanitarie dell’Umbria e 20 anziani e dipendenti della Rsa “Santa Margherita” di Perugia, sia l’inoculazione di 29 prime dosi al personale sanitario dell’azienda Usl Umbria 2 in lista.

In contemporanea anche il team vaccinale dell’azienda ospedaliera di Terni era al lavoro per somministrare le seconde dosi. “Con circa 14 mila vaccinati le operazioni procedono spedite nella nostra regione e nella nostra azienda, la macchina organizzativa assicura piena efficacia nella somministrazione in tempo reale della totalità delle dosi consegnate”, spiega il direttore generale dell’Azienda Usl Umbria 2 dr. Massimo De Fino. “Le percentuali di adesione alla campagna vaccinale dei nostri sanitari – prosegue – è altissima, rinunce o defezioni si contano sulle dita di una mano. Siamo fiduciosi che tale consapevolezza sia ben presente tra la popolazione con punte di adesione volontaria che ci permetteranno di raggiungere l’immunità di gregge entro il terzo trimestre grazie anche all’arrivo di altri vaccini. Il nostro compito è fare presto, tagliare i tempi, consapevoli che il 2021 sarà un anno decisivo per sconfiggere definitivamente il Covid-19 grazie alla somministrazione del vaccino”.

Usl Umbria 1: Il 18 gennaio, dalla Residenza Santa Margherita di Perugia, la Usl Umbria 1 ha dato il via alla seconda fase delle vaccinazioni anti-Covid. Sono state somministrate le dosi ai 17 ospiti e ai 3 operatori che il 27 dicembre avevano ricevuto la prima vaccinazione. Tale procedura ha riguardato anche la dottoressa Michela Cardamone e l’infermiera Marina Pettirossi, le prime due vaccinate in Umbria, che fanno parte del team vaccinale della Usl Umbria 1.

“Vaccinarsi è un segno di civiltà, in quanto con la vaccinazione non si riduce solo il rischio di infezione per se stessi, ma per tutta la comunità”: lo ha detto il vicecommissario per l’emergenza covid della Regione Umbria, Massimo D’Angelo, commentando la giornata di oggi in cui, anche in Umbria, stanno ricevendo la seconda dose di vaccino i soggetti che avevano già avviato lo scorso 27 dicembre l’iter vaccinale. La somministrazione della seconda dose del vaccino è pero sicuramente un momento significativo perché si completa il ciclo vaccinale. Il vaccino infatti, rappresenta il più forte strumento di prevenzione a nostra disposizione”. Il vicecommissario concludendo ha messo in risalto che la Regione Umbria nelle varie fasi della campagna vaccinale “ha operato e continua ad operare nel modo migliore, assicurando per la somministrazione del vaccino omogeneità su tutto il territorio regionale sulla base delle priorità stabilite dal Piano nazionale e da quello regionale”. Il 25 gennaio si proseguirà con gli interventi vaccinali per il completamento del ciclo per i soggetti che avevano ricevuto la prima dose il 31 dicembre.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*