Super richiesto in Cina farmaco fegato promessa anticovid

Uno studio pubblicato su 'Nature' ha acceso i riflettori su un vecchio farmaco

Super richiesto in Cina farmaco fegato promessa anticovid

Studio evidenziava possibile ruolo molecola ma esperti evidenziavano necessità conferme, in Italia leader produzione. Poco meno di un mese fa uno studio pubblicato su ‘Nature’ accendeva i riflettori su un vecchio farmaco, economico e già disponibile, usato per trattare una malattia del fegato che si chiama colangite biliare primitiva.

L’Acido Ursodesossicolico funziona contro le calcolosi biliari, regolando l’assorbimento intestinale del colesterolo influenzandone la quota di assorbimento dalle micelle (aggregato di particelle di dimensioni submicroscopiche costituito da numerosi atomi o molecole disposti regolarmente) lipidiche digestive. Negli ultimi anni sono stati scoperti altri aspetti della sua fisiologia e diversi meccanismi molecolari con cui l’Acido Ursodesossicolico esercita le sue azioni nell’organismo umano.

Gli autori del lavoro esploravano una possibile dote inedita dell’acido ursodesossicolico (Udca), medicinale fuori brevetto che si assume per bocca: la capacità di prevenire Covid-19 sbarrando a tutte le varianti del virus Sars-CoV-2 – presenti e future – la porta d’ingresso alle cellule degli organi bersaglio.

E spiegavano che i risultati osservati su organoidi (modelli d’organo miniaturizzati fabbricati in laboratorio), animali, organi umani e un piccolo gruppo di volontari sani, andavano confermati in studi clinici più ampi.

Mentre la scienza fa il suo corso, però, in Cina si è già impennata la richiesta del farmaco. Fra i principali produttori mondiali di acido ursodesossicolico, tra l’altro, c’è una realtà italiana, Ice Group, basata a Reggio Emilia, acquisita dal fondo internazionale d’investimento Advent International nell’ottobre del 2019.

La domanda del farmaco generico è aumentata notevolmente nel gigante asiatico, ha rilevato un’analisi del servizio attivo nel campo di notizie e dati del settore farmaceutico ‘Scrip Intelligence’, rimbalzata su diversi media e citata anche nelle news di università Usa.

Ma i produttori affermano di non poter tenere il passo e gli esperti mettono in guardia sulla limitata natura dell’unico studio disponibile al momento sul fronte Covid. Studio che, secondo quanto riporta Scrip ha suscitato grande interesse nella Cina alle prese con l’esplosione di contagi di questi giorni.

 l’Udca è diventato un farmaco super ricercato

L’effetto è che, dall’oggi al domani, l’Udca è diventato un farmaco super ricercato. Alcuni medici hanno cominciato a suggerirlo come arma preventiva in pazienti ad alto rischio. Il boom di richiesta sta avendo impatto sul fronte economico: sull’onda di questo fenomeno infatti, secondo l’analisi pubblicata al riguardo, i produttori cinesi di farmaci Xuantai Pharma e New China Pharma hanno visto i prezzi delle azioni salire con rialzi tra il 53% e il 69% nelle scorse settimane.

(Red/Adnkronos Salute)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*