Servizi sotto organico in sanità, più personale per scongiurare chiusure

 
Chiama o scrivi in redazione


Servizi sotto organico in sanità, più personale per scongiurare chiusure

Servizi sotto organico in sanità, più personale per scongiurare chiusure

Serve l’impegno dei nuovi commissari delle aziende sanitarie e ospedaliere per sopperire alla carenza di personale nelle strutture sanitarie”. Lo afferma il capogruppo del Partito democratico a Palazzo Cesaroni, Tommaso Bori, informando di aver “inviato una lettera ai neo nominati commissari, ponendo il mio benvenuto e augurare buon lavoro per l’importante e delicato ruolo affidato loro”. “E’ importante instaurare un dialogo costruttivo con tutti i rappresentanti delle istituzioni e degli organismi sanitari – dice Bori nella lettera – al fine di poter superare le difficoltà attuali e volgere con coraggio lo sguardo verso il futuro. Con l’attuale

IN SINTESI
Il capogruppo regionale Pd, Tommaso Bori, annuncia di aver inviato una lettera ai nuovi commissari delle aziende sanitarie e ospedaliere dell’Umbria per chiedere l’impegno ad affrontare la questione della carenza di personale. Per Bori “è quanto mai urgente procedere immediatamente con nuove assunzioni attraverso l’utilizzo delle graduatorie preesistenti e, dove possibile, l’indizione di nuovi concorsi”. 

Giunta regionale non ci è stato sempre possibile collaborare, nostro malgrado. Il tema è la mancanza di personale che, nello specifico, ha messo in crisi la Pediatria dell’ospedale di Perugia, ma che riguarda tutti i presidi sanitari della nostra regione, come per esempio Gastroenterologia e Ginecologia di Perugia, come più volte sottolineato dai sindacati”.

“Una situazione difficile – prosegue – per un settore che ci ha sostenuto nella difficile fase della pandemia. Per questo è quanto mai urgente procedere immediatamente con nuove assunzioni per tutto il sistema sanitario regionale, attraverso l’utilizzo delle graduatorie preesistenti e, dove possibile, l’indizione di nuovi concorsi e, nel caso di Umbria Salute, alla stabilizzazione dei precari. Si tratta dell’unico modo per assicurare reale vicinanza ai nostri operatori, quotidianamente in trincea”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*