Punto Nascita Ospedale Spoleto, precisazione dell’Azienda Usl Umbria 2

C'è impegno e volontà di mantenere attivo il punto nascita

Punto Nascita Ospedale Spoleto, precisazione dell’Azienda Usl Umbria 2

Punto Nascita Ospedale Spoleto, precisazione dell’Azienda Usl Umbria 2

Punto nascita ospedale Spoleto – In merito al dibattito relativo al Punto Nascita del presidio ospedaliero di Spoleto, alla nota stampa della Regione Umbria e al confronto serrato che ne è scaturito, la Usl Umbria 2 ritiene doveroso fornire all’opinione pubblica alcune precisazioni e puntualizzazioni nella certezza che vi sia stato un impegno costante e trasparente, sia della Regione Umbria che dell’azienda sanitaria, a mantenere attivo il Punto Nascita al “San Matteo degli Infermi”.

Si conferma anzitutto che sin dal 2020 questa Azienda ha prodotto e presentato in Regione approfondite relazioni con l’intento di mantenere operativa tale struttura, affiancando ai dati di attività relativi al numero dei parti, considerazioni sull’organizzazione generale e sul numero di personale presente e da assumere al fine di garantire la sicurezza delle cure.

Il ministero della Salute per tramite il Comitato Percorso Nascita Nazionale, ha quindi comunicato alla Regione Umbria il parere positivo alla deroga per il Punto nascita di Spoleto limitata ad un anno, con scadenza dicembre 2021.

A fine anno 2021, il 21 dicembre, per le stesse motivazioni riferite all’anno precedente con l’aggravante della sospensione delle attività a causa dell’emergenza pandemica,si chiedeva un’ulteriore deroga per tutto il 2022.

In particolare la relazione redatta dall’Azienda Sanitaria ha riguardato i dati di attività riportati al 2020, l’analisi dei sistemi di sicurezza e di trasporto per il neonato, la situazione oro geografica del territorio, le attività di reclutamento di nuovo personale, lo stato di ospedale parzialmente Covid-19.

Sulla base di tali considerazioni e dell’analisi del contesto, la Regione Umbria ha pertanto riproposto, anche per l’anno 2022, la richiesta di deroga alla chiusura del Punto Nascita di Spoleto, già ottenuta l’anno precedente dal Comitato Percorso Nascita Nazionale.

Nella riunione svolta il 10 maggio 2022, detto Comitato non ha purtroppo accordato tale ipotesi e, in sostanza, si è espresso all’unanimità per la definitiva disattivazione del reparto, non ricorrendo – questa la motivazione – i requisiti previsti dal Decreto Ministeriale 11 novembre 2015.

Il CPNN è giunto a tale decisione dopo analisi del numero di nascite e della percentuale di fidelizzazione.

L’Azienda Sanitaria tende a precisare che il CPNN è un organismo tecnico del Ministero della Salute, totalmente autonomo nelle sue decisioni, che si basano su analisi oggettive di dati presenti nella piattaforma Ministeriale (NSIS).

Sorprende pertanto che in alcune affermazioni scomposte si parli addirittura di “scorrettezza dei dati inviati dalla Regione “.

La relazione trasmessa sia nel 2020 che nel 2021 al Ministero della Salute riguardava il periodo Gennaio Settembre 2020 e proiettata a tutto l’anno, in quanto solitamente in questi casi la relazione è basata su dati utili trimestrali (essendo la stessa da inviare prima dello scadere dell’anno di riferimento, il dato viene ad essere riportato nell’ultimo trimestre valido di settembre, con proiezione a tutto l’anno).

Ad ogni buon conto si riportano i dati di nascita presso il Presidio di Spoleto e riferiti al periodo 1 gennaio – 26 ottobre 2020 (ultimo giorno di attività), che sono i seguenti:

Comune residenza N. PARTI
SANSEPOLCRO 1
FROSINONE 1
MAGIONE 1
CARBONIA 1
CIVITA CASTELLANA 1
CITTA’ DI CASTELLO 1
MONTIERI 1
BOLOGNA 1
GENGA 1
AVIGLIANO UMBRO 1
PENNA IN TEVERINA 1
FORMELLO 1
USSITA 1
VITERBO 1
MILANO 1
CANNARA 1
SAN VENANZO 1
BETTONA 1
MONTE CASTELLO DI VIBIO 1
ACQUASPARTA 1
ALBANIA 1
GUALDO TADINO 2
BEVAGNA 2
ROMA 2
CONTIGLIANO 2
COLLAZZONE 2
ARRONE 2
SAN GEMINI 2
LEONESSA 3
MASSA MARTANA 3
CERRETO DI SPOLETO 3
MARSCIANO 3
RIETI 3
MONTELEONE DI SPOLETO 3
FERENTILLO 4
SCHEGGINO 4
TODI 4
SANT’ANATOLIA DI NARCO 3
PERUGIA 5
CASTEL RITALDI 5
MONTEFALCO 5
CAMPELLO SUL CLITUNNO 5
GUALDO CATTANEO 6
BASTIA UMBRA 6
GIANO DELL’UMBRIA 6
MONTECASTRILLI 6
NARNI 9
AMELIA 9
CASCIA 9
ASSISI 9
FOLIGNO 11
TREVI 15
NORCIA 18
TERNI 25
SPOLETO 132
NUMERO PARTI 349
NUMERO NATI 355

 

Il numero complessivo di parti risulta essere pari a n. 349, mentre i nati, per qualche parto gemellare, sono stati complessivamente 355.

Di questi solo 183 parti riguardano i residenti nei Distretti Spoleto – Valnerina, mentre gli altri provengono da altri Comuni della Azienda o del territorio regionale ed in alcuni casi da fuori regione.

Va precisato che:

  1. Il Comune riportato in tabella è la residenza materna.
  2. Il Comune di Spoleto è presente con 132 parti nel periodo gennaio – ottobre 2020;
  3. Sui 355 nati nel presidio ospedaliero di Spoleto, a punto nascita aperto, nei Comuni di Spoleto – Valnerina risultano i seguenti dati:
  • Campello sul Clitunno: n. 5;
  • Giano dell’Umbria: n. 6;
  • Spoleto: n. 132;
  • Cascia: n. 9;
  • Cerreto di Spoleto: n. 3;
  • Monteleone di Spoleto: n. 3;
  • Sant’Anatolia di Narco: n. 3;
  • Scheggino: n. 4;
  • Norcia: n. 18

Totale: n. 183

Passando all’anno 2021, a punto nascita sospeso nella attività, il numero di nascitecomplessive di bambini/e residenti nei distretti di Spoleto e della Valnerina, è pari a 313 per tutto (tabella 2).

Tabella 2 – Residenti Nati Anno 2021
  maschi femmine totale
Territorio- SPOLETO 122 124 246
    Campello sul Clitunno 10 6 16
    Castel Ritaldi 2 5 7
    Giano dell’Umbria 8 12 20
    Spoleto 102 101 203
  maschi femmine totale
Territorio- VALNERINA 39 28 67
    Cascia 10 7 17
    Cerreto di Spoleto 2 2 4
Monteleone di Spoleto 2 1 3
    Norcia 19 15 34
    Poggiodomo 0 0 0
    Preci 1 0 1
    Sant’Anatolia di Narco 1 2 3
    Scheggino 4 0 4
    Vallo di Nera 0 1 1
TOTALE     313

 

Per dovere di cronaca va chiarito che ai sensi del DM 11/11/2015, anche se tutti i bambini/e residenti nel Distretto di Spoleto e Valnerina (313) fossero nati a Spoleto a punto nascita aperto, sarebbe stato necessario aumentare la capacità attrattiva per almeno altre 200 mamme circa, al fine di raggiungere la soglia di 500 parti minimi previste perla sicurezza di ogni punto nascita.

Si ribadisce ancorauna volta che il Comitato Percorso Nascita Nazionale, organismo tecnico del Ministero, è indipendente e autonomo nelle analisi e nelle conseguenti decisioni che avvengono attraverso dati che il Ministero ha nelle proprie piattaforme di elaborazione, tant’è che, ad esempio, il territorio preso a riferimento per il periodo interessato dal CPNN è stato molto più ampio del bacino effettivo di riferimento Spoleto – Valnerina. Malgrado infatti l’esclusione del Comune di Norcia nella analisi, sono stati inclusi oltre 10 Municipi extra Distretto che hanno ampiamente compensato l’assenza del dato di Norcia.

Ciò non è stato sufficiente per accordare la deroga richiesta unitamente dalla Regione Umbria e dalla Usl Umbria 2.

Tutto ciò per ribadire la correttezza dell’operato di questa Azienda Sanitaria e della Regione Umbria in risposta ad affermazioni gravi e lesive, nonché prive dei riferimenti normativi necessari per una corretta lettura della particolare e specifica vicenda che ha interessato il Punto Nascita di Spoleto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*