Operatori sanitari no vax, a 235 sarà intimato l’obbligo vaccinale

Operatori sanitari no vax, a 235 sarà intimato l’obbligo vaccinale

Operatori sanitari no vax, a 235 sarà intimato l’obbligo vaccinale

Centinaia di operatori sanitari presunti no vax a rischio sospensione nel territorio di riferimento dell’Usl2 dell’Umbria. I professionisti che sono finiti nel mirino dell’azienda sanitaria locale in quanto sprovvisti di vaccinazione anticovid sono oltre 350. Rischiano la sospensione dall’attività lavorativa e dallo stipendio.


Lo scrive Stefano Cinaglia in un articolo sulla Nazione Umbria


Sono 235 gli addetti operanti nel territorio di riferimento dell’Usl2. Si tratta di medici, infermieri, tecnici di laboratorio e operatori socio sanitari, ai quali l’azienda farà pervenire a breve una formale richiesta di adempimento dell’obbligo vaccinale. Nel mezzo ci sono anche 120 professionisti che hanno presentato documentazione per l’esonero dall’obbligo vaccinale, ma anche per questi professionisti in mancanza di riscontri si prospetta la sospensione. Dodici, intanto i medici sospesi dall’ Ordine provinciale dopo l’informativa dell’Usl che nei giorni scorsi aveva segnalato 56 nominativi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*