La verità di Nature sui vaccini, disfunzioni renali e range pre-diabetico

Questo studio di "Nature" è compiuto sul vaccino a virus inattivato

La verità di Nature sui vaccini, disfunzioni renali e range pre-diabetico

Il 26 ottobre scorso è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nature, tra le più importanti al mondo e da molti considerata la più prestigiosa, un articolo dal titolo “Comprehensive investigations revealed consistent pathophysiological alterations after vaccination with COVID-19 vaccines”, (“Indagini approfondite hanno rivelato alterazioni fisiopatologiche consistenti dopo la vaccinazione con i vaccini COVID-19”). Questo studio di “Nature” è compiuto sul vaccino a virus inattivato, che per intenderci è quello cinese. Ecco là non ci sono no vax, che vengono passati a fil di spada prima di avanzare qualsiasi tipo di dubbio. Ma i vaccini cinesi fanno talmente tanti danni che farsi una pinta di Astrazeneca sarebbe come bere acqua fresca…


Ecco cosa si legge nell’abstract:

“Riportiamo, oltre alla generazione di anticorpi neutralizzanti, alterazioni consistenti dell’emoglobina A1c, livelli sierici di sodio e potassio, profili di coagulazione e funzioni renali in volontari sani dopo la vaccinazione con un vaccino SARS-CoV-2 inattivato. Cambiamenti simili erano stati riportati anche nei pazienti COVID-19, suggerendo che la vaccinazione imitava un’infezione. Il sequenziamento dell’mRNA di una singola cellula (scRNA-seq) delle cellule mononucleate del sangue periferico (PBMC) prima e 28 giorni dopo la prima inoculazione ha anche rivelato alterazioni consistenti nell’espressione genica di molti diversi tipi di cellule immunitarie. Riduzione di CD8 +Le cellule T e l’aumento del contenuto di monociti classici erano esemplari. Inoltre, scRNA-seq ha rivelato un aumento della segnalazione di NF-kB e una riduzione delle risposte all’interferone di tipo I, che sono state confermate da test biologici e si è verificato anche dopo l’infezione da SARS-CoV-2 con sintomi aggravanti. Nel complesso, il nostro studio raccomanda ulteriore cautela quando si vaccinano persone con condizioni cliniche preesistenti, tra cui diabete, squilibri elettrolitici, disfunzione renale e disturbi della coagulazione”.

Nell’articolo si segnalano dopo la vaccinazione deficit dei fattori di coagulazione, disfunzioni renali e alterazioni del sistema immunitario e del livello di glucosio e colesterolo. “Con nostra sorpresa, abbiamo osservato cambiamenti fisiopatologici abbastanza consistenti per quanto riguarda il contenuto di elettroliti, i profili di coagulazione, la funzione renale e le caratteristiche metaboliche del colesterolo e del glucosio, come se queste persone avessero avuto un’infezione da SARS-CoV-2. Inoltre, i risultati di scRNA-seq delle PBMC hanno indicato anche riduzioni consistenti di CD8 +Cellule T e aumenti del contenuto di monociti, nonché una maggiore segnalazione infiammatoria di NF-kB, che imitava anche le risposte dopo l’infezione. Sorprendentemente, le risposte all’interferone di tipo I, che erano state collegate a danni ridotti dopo l’infezione da SARS-CoV-2 e sintomi più lievi, sembravano essere ridotte dopo la vaccinazione, almeno di 28 giorni dopo la prima vaccinazione. Ciò potrebbe suggerire che nel breve termine (1 mese) dopo la vaccinazione, il sistema immunitario di una persona si trova in uno stato non privilegiato e potrebbe richiedere maggiore protezione”.

“Con nostra sorpresa, sono stati osservati aumenti abbastanza consistenti dei livelli di HbA1c in volontari sani, indipendentemente dal fatto che appartenessero alla coorte A o B. Entro il giorno 28 dopo la prima inoculazione, tre individui su 11 hanno raggiunto il range pre-diabetico . Entro i giorni 42 e 90, i livelli medi di HbA1c sembravano tornare indietro, ma erano ancora significativamente più alti di quelli prima della vaccinazione.

Lavori precedenti hanno dimostrato che…

Lavori precedenti hanno dimostrato che i pazienti diabetici con livelli di glucosio nel sangue incontrollati sono più inclini a sviluppare forme gravi di COVID-19. È stato dimostrato che alti livelli di glucosio nel sangue/glicolisi promuovono la replicazione di SARS-CoV-2 nei monociti umani attraverso la produzione di specie reattive dell’ossigeno mitocondriale e l’attivazione di HIF1A , presentando quindi una caratteristica svantaggiosa. I livelli sierici di potassio sono diminuiti significativamente nei giorni 28, 42 e 90 dopo la prima inoculazione, con un campione al di sotto del limite normale inferiore al giorno 42.

I livelli sierici di sodio sono diminuiti

Allo stesso modo, anche i livelli sierici di sodio sono diminuiti dopo la vaccinazione , indicativo dell’influenza del vaccino sull’equilibrio elettrolitico. Anche in questo caso, lo squilibrio elettrolitico è stato collegato anche al COVID-19 . La coagulopatia è un’altra condizione clinica indotta da COVID-19. Abbiamo scoperto che i profili di coagulazione cambiavano significativamente dopo la vaccinazione, a breve termine (7 giorni) dopo la prima inoculazione, i profili di coagulazione tendevano a un tempo di protrombina (PT) più breve, mentre l’effetto a lungo termine (28 e 42 giorni) era verso tempo di tromboplastina parziale attivato (APTT) e prolungamento del tempo di protrombina. Inoltre, abbiamo riscontrato livelli elevati di colesterolo nel sangue ai giorni 7, 28 dopo la prima inoculazione e livelli elevati di acidi biliari totali sono stati rilevati anche al giorno 7. La disfunzione renale è un’altra condizione clinica legata al COVID-19 e, entro 28, 42 e 90 giorni dopo la prima inoculazione, i livelli di creatinina sierica erano significativamente più alti di quelli prima della vaccinazione, con conseguente riduzione dell’eGFR“.

31 ottobre 2021

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*