Fabio Paparelli, Pd, quali azioni per pazienti oncologici in epoca covid?

 
Chiama o scrivi in redazione


Fabio Paparelli, Pd, quali azioni per pazienti oncologici in epoca covid?

Fabio Paparelli, Pd, quali azioni per pazienti oncologici in epoca covid?

Il consigliere regionale Fabio Paparelli (Pd) ha annunciato la presentazione di una interrogazione in merito ai trattamenti ospedalieri dei pazienti oncologici in tempo di Covid-19. Il consigliere chiede alla Giunta regionale “se sono state adottate e verificate le linee guida nazionali per la gestione dei pazienti oncologici e onco-ematologici in corso di emergenza da Covid-19 e quali azioni sono state intraprese in particolare nell” Azienda ospedaliera di Terni”, ma anche “quanti sono stati i pazienti oncologi che hanno contratto il Coronavirus divisi per Aziende ospedaliere e quanti di questi hanno perso la vita durante i periodi marzo/agosto e settembre/dicembre”.

Nel suo atto ispettivo, Paparelli evidenzia – secondo quanto riferisce una nota della Regione – che “dall” inizio dell” emergenza sanitaria il Ministero della Salute ha raccomandato agli ospedali di organizzare percorsi di assistenza separati e protetti dal rischio di contagio, in particolar modo per i pazienti oncologici, che sono tra i più fragili di tutti.
© Protetto da Copyright DMCA

La garanzia della prosecuzione delle terapie anticancro è basilare, anche in una situazione di emergenza, al fine di non compromettere l” efficacia dei trattamenti ed esporre i malati oncologici ad ulteriori rischi di pericolo per la patologia che avanza a prescindere dalla pandemia virale generata dal Covid 19, che può, anzi costituire un ulteriore pericolo di vita”.

“È pertanto necessario – osserva – assicurare una continuità delle cure oncologiche in totale sicurezza, salvaguardando allo stesso tempo pazienti e medici anche dal rischio di contagio da Covid 19”. “La seconda ondata di questa emergenza sanitaria – commenta Paparelli – impone una riflessione sulle criticità e sui ritardi che si sono accumulati sul fronte sanitario in Umbria, che hanno riguardato purtroppo anche criticità sul fronte dei malati oncologici anche nella consapevolezza che ritardi e/o contagi in qualsiasi fase possono cambiare il destino di una persona”. Paparelli sottolinea come “dagli organi di stampa si prende atto che nei nosocomi della nostra regione sono avvenuti numerosi contagi di pazienti oncologici con il Coronavirus anche a causa di percorsi di accesso che dovevano essere nettamente separati, come affermato dalle Linee guida nazionali. Nel solo ospedale di Terni – conclude – vi sono stati ben 12 contagi tra operatori sanitari e pazienti oncologici che hanno portato purtroppo ad alcuni decessi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*