Emergenza covid, Tesei ad Anci Umbria, maggiori misure territoriali temporanee, i dati di oggi

 
Chiama o scrivi in redazione


Emergenza covid, Tesei ad Anci Umbria, maggiori misure territoriali temporanee

Emergenza covid, Tesei ad Anci Umbria, maggiori misure territoriali temporanee, i dati di oggi

La Presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, ha inviato questa mattina una lettera al Presidente regionale dell’Anci (Associazione nazionale Comuni) Umbria, Michele Toniaccini, in cui condivide la situazione epidemiologica umbra e la sua evoluzione.

Secondo quanto comunicato dalla Sanità regionale, infatti, mentre da un lato la pressione dovuta al Covid nelle strutture ospedaliere è attualmente sotto controllo, anche grazie alle iniziative di rafforzamento messe in campo dalla Regione negli ultimi mesi, dall’altro lato si registra una situazione di diffusione del virus particolarmente difforme nelle due provincie e puntiforme all’interno delle stesse.

© Protetto da Copyright DMCA

Per tale motivo, già sentito il Prefetto di Perugia Armando Gradone, la Presidente Tesei sollecita l’Anci, nello spirito di una leale e fattiva collaborazione, ad una immediata valutazione insieme ai Sindaci dei territori in cui vi è una elevata incidenza di casi settimanali al fine di individuare una serie di iniziative territoriali temporanee, in aggiunta alle limitazioni regionali e nell’ottica del perseguimento del principio di massima precauzione, allo scopo di ridurre le occasioni di contagio.

Il tutto nell’auspicio di trovare una risposta condivisa dei Comuni maggiormente interessati, pur nell’autonomia di valutazione dei Sindaci, e, ovviamente, fermo restando la massima collaborazione delle Asl locali, del Commissario all’emergenza Covid e della Sanità regionale tutta.

Tra i comuni a rischio ci sono Magione, Torgiano, Deruta, Bettona, Collazzone e Vallo di Nera. Poi c’è il caso limite di Fratta Todina (che sembra superare quota mille) ma a questo proposito, il direttore regionale della sanità, Claudio Dario, ha spiegato che “nei comuni piccoli bastano pochi cluster familiari per far schizzare il dato”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*