Covid, terza dose vaccino subito ai fragili e alle badanti

Personale scolastico non vaccinato, il 5 per cento in Umbria non lo è

Covid, terza dose vaccino subito ai fragili e alle badanti

“Più aumenta il numero dei vaccinati, maggiori sono le possibilità di combattere questa terribile pandemia”. E’ quanto dichiara l’assessore alla sanità Luca Coletto che rispondendo alle domande del giornalista de La Nazione Umbria, Michele Nucci, dice: “Appena il Governo darà il via libera, somministreremo la terza dose per fragili, anziani e sanitari. E siamo pronti ad andare nelle aziende, o dove si svolgono grandi eventi o fiere per aumentare il numero di vaccinati”.

La terza dose toccherà subito a circa 64mila umbri che fanno parte della categoria vulnerabili. A questi si aggiungono circa 85mila caregiver. I primi ad avere la terza dose saranno i pazienti oncologici o oncoematologici, in trattamento con farmaci immunosoppressivi, mielosoppressivi o a meno di sei mesi dalla sospensione delle cure. Persone che sono in attesa o sono state sottoposte a un trapianto d’organo o di cellule staminali emopoietiche. Soggetti affetti da malattie autoimmuni o con problemi di immunodeficienza, ma anche i dializzati alle prese con insufficienza renale.

Successivamente si procederà – anche in base alla distanza dalla prima inoculazione – agli ospiti delle Rsa (che in tutto sono circa seimila in Umbria), agli over 80 (76mila) e di nuovo i sanitari, il cui numero di vaccinati ammonta ad oggi a 31.139. Le altre categorie saranno invece vaccinate tra la fine del 2021 e l’inizio del 2022.

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*