Corso di alta formazione per gastroenterologi del futuro

 
Chiama o scrivi in redazione


gastroenterologi

di Martina Rastelli
Corso di alta formazione per gastroenterologi del futuro
. I giovani gastroenterologici hanno la possibilità di partecipare ad un corso formativo organizzato dalla A.I.G.O. (Associazione Italiana Gastroenterologi Ospedalieri) in programma giovedì 3 e venerdì 4 ottobre presso la struttura complessa di Gastroenterologia del Santa Maria della Misericordia.

Perugia è stata scelta come una delle sedi del corso e il commissario straordinario dell’Azienda Ospedaliera di Perugia Antonio Onnis ha espresso la sua soddisfazione:” Il nostro servizio di gastroenterologia, come documentato dai dati relativi all’attività svolta, è in crescita e mi piace darne conto a tutto il personale che vi presta servizio e si adopera per alzare la qualità delle prestazioni. Sono molto contento – ha aggiunto Onnis – che le attività attività assistenziali esprimano eccellenze e che si partecipi ad iniziative che consentono di avviare confronti per una crescita reciproca di esperienze”.

LEGGI ANCHE: Eliminare test di ingresso a medicina, in ogni caso, serve chiarezza

I docenti del corso

I docenti del corso sono esperti dei principali centri italiani di endoscopia. L’Ospedale di Perugia è rappresentato dai dottori Raffaele Manta (il direttore del corso), Ugo Germani, Carlo Clerici, Danilo Castellani,  Olivia Morelli e Paolo Maria Brunori.

“Il corso di alta specializzazione trasmette a giovani medici le tecniche innovative dell’ecoendoscopia. – dice il dottor Fabio Monica coordinatore scientifico – Nelle due precedenti edizioni sono stati formati oltre 30 medici, assegnati a sedi di tutte le regioni, e questo rappresenta per la nostra associazione motivo di grande soddisfazione”.

Il direttore del corso Raffaele Manta sottolinea: “Abbiamo l’obbligo di puntare sulla meritocrazia e sulla capacità del medico di aumentare le proprie competenze: possiamo sostenere l’alto livello dei docenti e dei centri selezionati, per affermare che questa iniziativa si ripropone anche di trattenere in Italia i gastroenterologi del futuro.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*