Cinque Regioni benchmark in sanità, l’Umbria al secondo posto in Italia

Emilia Romagna, Umbria, Marche, Lombardia e Veneto le 5 regioni benchmarck

 
Chiama o scrivi in redazione


Cinque Regioni benchmark in sanità, l'Umbria al secondo posto

Cinque Regioni benchmark in sanità, l’Umbria al secondo posto in Italia

Prima l’Emilia Romagna, seconda l’Umbria. Seguono nell’ordine Marche, Lombardia e Veneto. È questa la rosa delle cinque Regioni benchmark, tra cui poi selezionare le tre che dovranno fare da riferimento per i costi standard da utilizzare nel riparto del Fondo sanitario 2021. È quanto si legge nella proposta d’Intesa elaborata dal Ministero della Salute e che ora sarà sottoposta alle Regioni

© Protetto da Copyright DMCA

Sulla base della griglia Lea anno 2018 e dei risultati di esercizio relativi al medesimo anno valutati dal Tavolo Adempimenti solo 5 regioni risultano avere i requisiti previsti: Emilia Romagna, Umbria, Marche, Lombardia e Veneto.

Individuate sulla base della Griglia Lea 2018 e sulla verifica del tavolo degli adempimenti la rosa delle cinque regioni che hanno requisiti per diventare benchmark ai fini del riparto del Fsn 2021. Tra queste poi andranno scelte le tre che saranno di riferimento per i costi standard.

Il documento del Ministero della salute

Il calcolo dell’IQE per ciascuna delle regioni precedentemente individuate è stato effettuato utilizzando le risultanze degli indicatori di seguito riportati, valorizzati utilizzando per coerenza i dati di costo rilevati nel modello LA 2018 e i dati di attività relativi al medesimo anno:

1 Punteggio della “Griglia Lea” anno 2018 (tabella l);

Incidenza percentuale avanzo/disavanzo sul finanziamento ordinario, risultante dai dati CE consolidati regionali consuntivo 2018, come risultanti ai Tavoli di verifica;

degenza media pre-operatoria (dati SDO Anno 2018) (tabella 2);

percentuale interventi per frattura di femore operati entro due giorni (dati SDO Anno 2018);

percentuale dimessi da reparti chirurgici con D G medici (dati SDO Anno 2018);

percentuale di ricoveri con DRG chirurgico s totale ricoveri (da calcolarsi considerando esclusivamente i ricoveri in degenza ordinaria, decurtando dal numeratore e dal denominatore i ricoveri relativi ai 108 DR a rischio di in appropriatezza

percentuale di ricoveri ordinari con DRG ad alto rischio di inappropriatezza (esclusi DRG 006, 039, 119) (dati NSIS -SDO Anno 2018);

percentuale di ricoveri diurni di tipo diagnostico sul totale dei ricoveri diurni con DRG medico (dati NSIS -SDO Anno 2018);

percentuale di casi medici con degenza oltre soglia per pazienti con età >=65 anni sul totale dei ricoveri medici con età anni (dati NSIS – SDO Anno 2018);

10 scostamento dallo standard previsto per l’incidenza della spesa per assistenza collettiva sul totale della spesa (5%) (elaborazioni su dati modello LA 2018);

11 scostamento dallo standard previsto per l’incidenza della spesa per assistenza distrettuale sul totale della spesa (51 0/0) (elaborazioni su dati modello LA 2018);

12 scostamento dallo standard previsto per l’incidenza della spesa per assistenza ospedaliera sul totale della spesa (44%) (elaborazioni su dati modello LA 2018)

13 spesa pro capite per assistenza sanitaria di base (elaborazioni su dati modello LA 2018 per i costi e popolazione ISTAT al 31.12.2018);

14 spesa farmaceutica pro capite (elaborazioni su dati modello LA 2018, per i costi e popolazione ISTAT al 31.12.2018 pesata come da riparto 2018);

15 costo medio dei ricoveri per acuti in degenza ordinaria (elaborazioni su dati modello LA 2018 per i costi e dati NSIS -SDO 2018 per i dimessi pesati secondo i pesi del DM 18.10.2012);

16 costo medio per ricovero post acuto (elaborazioni su dati modello LA 2018 per i costi e dati NSIS – SDO 2018 per i dimessi di riabilitazione e di lungodegenza rispettivamente pesati in base al- DM 18.10,2012 e non pesati);

17 spesa per prestazione per assistenza specialistica – Attività clinica (elaborazioni su dati modello LA 2018 per i costi e dati NSIS Flusso di specialistica ambulatoriale Art 50;

18 spesa per prestazione per assistenza specialistica — Laboratorio (elaborazioni su dati modello LA 2018 per i costi e dati NSIS lusso di specialistica ambulatoriale Art 50 (Legge 326/2003) Anno 2018);

19 spesa per prestazione per assistenza specialistica – Diagnostica strumentale (elaborazioni su dati modello LA 2018 per i costi e dati ÑSIS Flusso di specialistica ambulatoriale Art 50 (Legge 326/2003) Anno 2018).

Il calcolo dell’IQE, in quanto finalizzato alla formulazione della graduatoria finale delle 5 regioni, ha tenuto conto dei valori registrati nelle sole 5 regioni risultate in possesso dei requisiti richiesti. L’elaborazione di detto indicatore ha portato alla definizione della graduatoria finale. Quotidianosanità.it


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*