Car-T, Carla Casciari: “Ematologia di Perugia uno dei sei centri nazionali”

Auspica che nella prossima Conferenza delle Regioni sia approvata anche la proposta di realizzare al Creo il laboratorio per la produzione

 
Chiama o scrivi in redazione


Car-T, Carla Casciari: "Ematologia di Perugia uno dei sei centri nazionali"

Car-T, Carla Casciari: “Ematologia di Perugia uno dei sei centri nazionali”

“Apprendo con soddisfazione la notizia che la Struttura Complessa di Ematologia e Trapianto di Midollo Osseo dell’Azienda Ospedaliera di Perugia è stata proposta in sede di Conferenza delle regioni come uno dei sei centri nazionali idonei per garantire la somministrazione ed il monitoraggio della nuova terapia immunologica con le cellule Car-T (Chimeric antigen receptor T-cell), appena autorizzata dall’Aifa (Agenzia italiana del farmaco) per la cura di alcuni linfomi e forme giovanili di leucemie”. Così il consigliere regionale Carla Casciari (Pd) che aggiunge: “il riconoscimento è una conferma dell’eccellenza riconosciuta a livello nazionale ed internazionale all’equipe coordinata dal professor Brunangelo Falini”.

 

Casciari esprime l’auspicio che “nella prossima Conferenza delle Regioni sia approvata anche la proposta di realizzare al Creo (Centro di ricerca emato-oncologico) dell’Azienda ospedaliera-universitaria di Perugia il laboratorio regionale per la produzione di tali cellule. Con l’introduzione di questa terapia, denominata Kymriah (tisagenlecleucel), si potrà raggiungere un risultato importante per la salute pubblica italiana, così da far diventare il sistema sanitario umbro un punto di riferimento nazionale nell’assistenza e nella ricerca. Grazie al via libera rilasciato ieri dall’Aifa, infatti – conclude Casciari -, questa terapia sarà rimborsabile e consentirà ad almeno 700 pazienti in Italia di avere una speranza di guarigione pur essendo in uno stadio della malattia fino a ieri considerato incurabile”.

 

LEGGI ANCHE: Trattamento con Car-T anche in Umbria, non solo somministrazione, ma anche produzione?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*