Mi vaccino perché’ non voglio far ammalare i miei nonni 🔴▶

 
Chiama o scrivi in redazione


Campagna, mi vaccino perché non voglio far ammalare i miei nonni

Campagna, mi vaccino perché non voglio far ammalare i miei nonni

Mi vaccino perché’ non voglio far ammalare i miei nonni“, o ancora “perché’ non voglio stare male, voglio fare gli allenamenti di nuoto e vincere le gare!“. Alessandro, Gabriele, Nikole, Riccardo e Tommaso sono i protagonisti della nuova campagna della Societa’ italiana di pediatria (Sip) a sostegno della vaccinazione antinfluenzale. Per arrivare ai genitori i pediatri italiani hanno scelto di dare la parola direttamente ai bambini, realizzando un video in cui i piccoli divulgatori spiegano perche’, secondo loro, sia importante proteggersi dall’influenza.



Le risposte sono state sincere e inaspettate ma soprattutto i bambini hanno dimostrato una grande saggezza: “Bisogna far capire agli adulti che anche noi abbiamo il diritto di essere sani“, e’ questo il loro appello. “Abbiamo deciso di realizzare un video per convincere quante piu’ famiglie possibili a vaccinare i propri bimbi perche’ lo scorso anno le coperture sono state insufficienti e quest’anno non possiamo permettercelo”, spiega Elena Bozzola, segretario nazionale della Sip.

“Fare il vaccino e’ importante per due motivi- sottolinea la pediatra- innanzitutto perche’ la sintomatologia da COVID-19 e’ sovrapponibile a quella influenzale e questo potrebbe comportare un sovraccarico del Sistema sanitario nazionale col rischio di farlo andare in affanno”. Poi bisogna tenere presente che “puo’ esserci una coinfezione COVID-influenza col pericolo che la sintomatologia del bambino ammalato si aggravi”, evidenzia Bozzola. ‘Proteggiamo i bambini dall’influenza: quest’anno e’ ancora piu’ importante!’ e’ il claim della campagna Sip visibile sul sito www.sip.it. Il ministero della Salute ha raccomandato di anticipare le vaccinazioni antinfluenzali all’inizio di ottobre e le consiglia per tutti i bambini a partire dai sei mesi di vita. (Mab / Dire)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*