Verini, governo e Pd a tutela del territorio e dei risparmiatori dell’Orvietano

 
Chiama o scrivi in redazione


v

Verini, governo e Pd a tutela del territorio e dei risparmiatori dell’Orvietano

Ieri il Parlamento ed il Governo hanno approvato (nell’ambito del provvedimento che punta ad evitare un drammatico aggravamento della crisi della Banca Popolare di Bari) un ordine del giorno del PD, a prima firma del deputato umbro Walter Verini, che impegna il Governo “a intraprendere ogni iniziativa utile al fine di tutelare le realtà territoriali coinvolte, in particolare prevedendo che Cassa di Risparmio di Orvieto sia ceduta ad investitori che forniscano adeguate garanzie di solvibilità e patrimoniali nonché al fine di garantire il minimo danno ai risparmiatori, azionisti e obbligazionisti coinvolti, che si sono trovati nell’impossibilità di vendere i titoli e che, insieme ai dipendenti, rischiano di essere coloro che pagheranno il conto più alto”.

“L’ordine del giorno – rende noto Walter Verini – è stato fatto proprio integralmente dal Governo, senza neanche la classica formula dell’ ‘impegna a valutare l’opportunità di….’ e questo rappresenta un segnale significativo”. “La Banca Popolare di Bari, come è noto, possiede il 75% della Cassa di Risparmio Orvietana, il cui destino – aggiunge Verini – ” riguarda strettamente quel territorio, la sua economia e il tessuto sociale e tante famiglie di risparmiatori e imprenditori, oktre che di dipendenti”.

“Per questo l’impegno assunto dal Governo costituisce un elemento rilevante di attenzione e tutela di un territorio – conclude il deputato democratico – contro ogni possibile speculazione di qualsiasi investitore che non dia tutte le garanzie di affidabilità. Ringrazio il Vicepresidente e il capogruppo PD in Commissione Finanze, Claudio Mancini e Gian Mario Fragomeli, che hanno voluto sottoscrivere il nostro ordine del giorno che è nato in seguito ad un incontro e a sollecitazioni puntuali del PD orvietano, con una delegazione composta da Martina Mescolini, Giuseppe Garmani e Gilberto Settimi, con la quale nei giorni scorsi avevamo tenuto un incontro alla Camera”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*