Sport Bonus, Casciari e Leonelli (Pd): “Finalmente è stato introdotto nell’ultima legge di stabilità”

"Finalmente Il Governo Gentiloni nell'ultima legge di stabilità ha introdotto dentro il 'pacchetto Sport' lo sport bonus". Commentano cosi i consiglieri regionali del Partito Democratico Carla Casciari e Giacomo Leonelli

Carla Casciari e Giacomo Leonelli sullo sport bonus

Sport Bonus, Casciari e Leonelli (Pd): “Finalmente è stato introdotto nell’ultima legge di stabilità”

PERUGIA – “Finalmente Il Governo Gentiloni nell’ultima legge di stabilità ha introdotto dentro il ‘pacchetto Sport’ lo sport bonus”. Commentano cosi i consiglieri regionali del Partito Democratico Carla Casciari e Giacomo Leonelli che, in una mozione presentata all’Assemblea legislativa umbra nell’aprile 2017, chiedevano alla Giunta di sollevare l’opportunità di introdurre detrazioni anche per la ristrutturazione di impianti sportivi.

“Sono numerose le misure contenute nel cosiddetto ‘pacchetto sport’ inserito nella legge di bilancio 2018 – spiegano – e tra queste il comma 363 introduce quello che è già stato definito ‘sport bonus’ in analogia con precedente norma prevista per i beni culturali. Viene infatti riconosciuto alle imprese un credito di imposta, nei limiti del tre per mille dei ricavi annui, pari al 50% delle erogazioni in denaro, fino a 40.000 euro, effettuate nel corso del 2018 per interventi di restauro o ristrutturazione di impianti sportivi pubblici, anche se gestiti da concessionari privati”.

“Siamo soddisfatti di questa novità – sottolineano Casciari e Leonelli – in quanto nella sola Umbria, al 31 dicembre 2013, risultavano presenti circa 1.500 impianti sportivi di proprietà di amministrazioni locali. Impianti che, oltre alla loro naturale destinazione per le attività sportive, svolgono anche un’importante funzione di aggregazione sociale, in particolare nelle comunità locali più piccole. Si tratta di un patrimonio consistente e, sebbene nell’ultimo Programma annuale la Regione abbia investito per l’impiantistica sportiva quasi 500mila euro, l’intervento dei benefattori per assicurare la manutenzione specialmente delle strutture presenti nei piccoli comuni umbri – concludono – libererà risorse importanti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*