Salute Animale, De Vincenzi, cosa succede alla sanità veterinaria umbra

 
Chiama o scrivi in redazione


Esce Bartolini, entra un collaboratore di Paparelli pagato 16.600 euro
sergio de vincenzi

Salute Animale, De Vincenzi, cosa succede alla sanità veterinaria umbra “Cosa succede all’Asl2? Cosa succede nel settore della sanità veterinaria?”. È quanto si chiede il consigliere regionale Sergio De Vincenzi (Misto–Umbria Next) che si dice “perplesso e preoccupato per la notizia apparsa recentemente sulla stampa in merito alla sanità animale dell’Asl2, che vede coinvolto il medico veterinario Samuele Tognarini”. Per De Vincenzi quello che “colpisce è l’assordante silenzio dei dirigenti dell’Asl2, a cominciare dal direttore, Imolo Fiaschini, e dell’Assessorato alla sanità, condotto da Luca Barberini”.

“Una situazione – continua De Vincenzi – che non può che preoccupare tutti i cittadini e i dipendenti veterinari del servizio sanitario regionale. Anche perché siamo in un quadro di procedimento concorsuale in corso per l’aggiudicazione della direzione di struttura complessa. Per questo ci chiediamo quali siano le reali intenzioni dei vertici dell’Asl2 per rafforzare e ottimizzare il servizio, proprio puntando su capacità manageriale, meritocrazia e competenze tecnico-scientifiche acclarate e indiscutibili.

Ci domandiamo anche se l’assessore Barberini sia effettivamente al corrente di queste vicende e, soprattutto, come intende affrontarle e quale posizione intenda assumere, sempre che sia interessato a fare piena luce sulle notizie diffuse e a occuparsi della riorganizzazione dei servizi veterinari. Una riorganizzazione ripetutamente richiesta anche dai sindacati di categoria che hanno offerto il loro contributo per la stesura del nuovo piano sanitario regionale anche su questa delicata materia”.

“In un quadro di complessivo smantellamento del sistema sanitario pubblico a beneficio del privato – conclude De Vincenzi – questa è l’occasione per dimostrare il contrario. E chiediamo all’assessore Barberini di dimostrare il suo l’impegno in questa direzione”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*