Pesaresi, tattica attendista pop corn appello a Maurizio Martina, Pd

Pesaresi, tattica attendista pop corn appello a Maurizio Martina, Pd

Pesaresi, tattica attendista pop corn appello a Maurizio Martina, Pd
Cari amici e compagni la tattica attendista del pop corn ci sta finendo e sfinendo. In Italia e in Umbria il P.D. contemplativo aspetta sempre una nuova alba, ammira seduto i cambiamenti che hanno preso un passo veloce e pericoloso. Siamo ad un cambio di regime, equivoco ed ancora nebuloso,ma deciso nel ridefinire alleanze sociali che fanno riemergere una cultura che pensavamo sepolta dalla storia. Le vecchie liturgie di gruppi dirigenti, sfibrati da giravolte e riposizionamenti infiniti, non servono più a nulla. La sfida che ogni uomo dovrebbe cogliere è appassionarsi alle questioni del mondo, capire il senso delle cose e ognuno a proprio modo, proporre un cambiamento, non permettendo mai a nessun incubo di sopraffare la ragione. Cari compagni vi esortiamo, vi preghiamo di uscire finalmente dal “sonno della ragione”, ricostruiamo insieme un pensiero critico che possa renderci liberi di scegliere, di schierarci e di avere i piedi ben piantati a terra e lo sguardo rivolto all’infinito.

Non lasciamo che l’ignoranza, il qualunquismo e le paure paralizzino la nostra capacità di pensiero. Se continuiamo a rimanere immobili qualcun altro penserà al posto nostro, già sta pensando al nostro posto, portando avanti però solo i propri interessi egoistici. Se ancora non abbiamo capito, se le sconfitte, riprodotte in serie, degli ultimi anni non ci hanno aperto gli occhi, se non è sufficiente ed evidente la pericolosa politica estremistica e di destra di questo governo allora lasciatecelo dire ci siamo sbagliati non stiamo dormendo ma siamo solo “puro spirito”.

Caro compagno Martina ci rivolgiamo a te come reggente del partito, il PD di questi tempi è incomprensibile, vago, vano, non pretendiamo l’impossibile ma dacci una possibilità di parlare di confrontarci senza intermediazioni correntizie, convoca una riunione dei circoli in Umbria, esci dalle liturgie del passato dei “gruppi dirigenti” mediati, senti gli iscritti, gli elettori, i tanti compagni che militano in associazioni del volontariato, riprendi contatto con gli ultimi e parla con tutti, ma volgi lo sguardo soprattutto verso gli sconfitti, verso le vittime della liberalizzazione selvaggia di questi lunghi anni, verso il nostro popolo,perché ancora abbiamo un popolo, è disorientato, quasi intimidito dalla arroganza e violenza verbale di questa destra, ma c’è, aspetta solo di ritrovarsi in un obiettivo concreto e condiviso.

Si tratta solo di fare cose, apparentemente semplici, come quella di rieleggere i segretari dimissionari a tutti i livelli, di rispettare regole di una comunità in disgregazione, di scegliere le persone migliori e di discutere di cosa fare anziché solo del “chi”. C’è l’assemblea nazionale da riconvocare, definite subito tempi e modi ma non riproducete il solito inutile distruttivo votificio. Ridiscutiamo la linea politica, indaghiamo la sconfitta e ripartiamo.

Dobbiamo ricostruire una speranza, un orizzonte per un popolo che dovrà attrezzarsi per una lunga traversata nel deserto. Caro compagno Martina ti aspettiamo, non indugiare oltre, il futuro ci aspetta.

Primi firmatari Antonello Chianella, Segretario Circolo PD Settevalli (Perugia) Nando Mismetti, Sindaco di Foligno Mariella Spadoni, Assessore Comune Castglione del Lago AnalitaPolticchia, Consigliera comunale di Bevagna Sara Bazzucchi, Assessore Comune di Valfabbrica Giorgio Dionisi, PD Spoleto Fabrizio Bracco PD Perugia Morena Bigini, Segretaria comunale PD Valfabbrica Fabrizio Bottoni PD Perugia Giuseppe Brugiotti, PD Perugia Sergio Santini, PD Perugia Antonella Pulci, PD Perugia Cristina Gugnoni, PD Castiglione del Lago Gabriele Rossetti, PD San Venanzo Fausto Galanello, PD Orvieto Marco Spallaccini PD Montegabbione Pierluigi Peparello, PD Castel Giorgio Lorena Pesaresi, PD Perugia Luciano Recchioni, PD Gualdo Tadino Annina Pellegrino, PD Perugia Lanfranco Bartocci, PD Perugia Assunta Morlupi Segretario PD Monte Castello Vibio Claudia Ciombolini, PD Assisi Rosanna Zaroli, PD Spello Giuseppina Nataletti

1 Commento

  1. Se il risorgere del partito inizia con Martina penso che il viaggio sarà molto breve. Il problema è che il fichissimo Renzi ha sbagliato tre volte di seguito e la quarta volta è stata quella di non andarsene del tutto pur avendolo promesso visto in che disastro ha lasciato il partito. Comunque ancora i renziani e compagni proseguono nell’affossare il povero Pd viste ancora le divergenze che assillano i rappresentanti del partito. Forse come si dice in tv il fine è quello di allearsi con Berlusconi ed il suo delfino Renzi sicuramente sarà compiaciuto. Cose da non crederci poveri noi che fine. Addio pd.

Rispondi