Le auto del comune inquinano più di tutte, approvato odg di Pietrelli del M5s

Il consigliere ha proposto di impegnare l’Amministrazione a programmare la sostituzione del parco auto comunali con veicoli a trazione elettrica o ibridi (benzina/elettrico)

Le auto del comune inquinano più di tutte, approvato odg di Pietrelli del M5s

PERUGIA – E’ stato approvato con 6 voti a favore (5 dell’opposizione, uno della maggioranza) e 3 astenuti (maggioranza) l’odg di un consigliere di opposizione su: “Parco auto comunale”. A sollecitare l’amministrazione comunale è stato, ieri mattina, Michele Pietrelli del M5s, attraverso un ordine del giorno in commissione bilancio volto a sollecitare un’azione da parte della Giunta.

Il maggior responsabile delle emissioni inquinanti atmosferiche è il trasporto su strada. In questo contesto si segnala che la maggior parte degli autoveicoli comunali sono datati e non eco-sostenibili. Ed infatti delle 13 autovetture “civili” a disposizione del Comune, ben due sono Euro 0, tre Euro 2, due Euro 3 e cinque Euro 4. Solo un’auto comunale è Euro 5/A, ad alimentazione Benzina/Elettrico e quindi eco-sostenibile. Di talché si può dire che la maggior parte delle auto in dotazione al Comune non può circolare durante i blocchi di traffico.

Già altre amministrazioni locali – continua l’istante – si sono mosse verso l’elaborazione di linee guida per la realizzazione di un piano di mobilità elettrica, si pensi, ad esempio, al Patto per la Sardegna firmato con il Governo, in forza del quale le amministrazioni locali, usufruendo dei 15 milioni di euro provenienti dal Fondo di sviluppo e coesione 2014-2020, hanno la possibilità di rinnovare il loro parco auto, acquistare mezzi elettrici nonché costruire le infrastrutture per informatizzare e gestire i punti di ricarica ed erogare i servizi di info-mobilità.

Per queste ragioni il consigliere ha proposto di impegnare l’Amministrazione a programmare la sostituzione del parco auto comunali con veicoli a trazione elettrica o ibridi (benzina/elettrico). Uno dei consiglieri di maggioranza ha accolto con favore l’odg, ritenendo che si tratti di una “buona pratica”. Sempre dai banchi della maggioranza è stato, invece, suggerito di valutare anche l’ipotesi di sostituire le auto datate con mezzi a metano o gpl, i cui costi appaiono più contenuti rispetto alle auto elettriche.

Infine l’opposizione ha richiesto all’istante di ampliare le richieste contenute nel dispositivo ricomprendendo nel lotto dei mezzi da sostituire anche quelli “pesanti”. Il consigliere proponente ha accolto l’invito aggiungendo al dispositivo la frase: “procedere alla sostituzione dei mezzi pesanti più inquinanti”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*