Lavoro, Ciprini (M5S): “Da oggi tariffe Inail più basse del 30 per cento per artigiani e piccoli imprenditori”

SONO MOLTE LE IMPRESE CHE HANNO INVESTITO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO E PER QUESTO MERITANO DI PAGARE MENO I PREMI ASSICURATIVI

 
Chiama o scrivi in redazione


“Tariffe INAIL più basse del 30 per cento e semplificazione delle voci tariffarie: sono le novità del decreto attuativo delle misure previste in manovra 2019, applicate ad artigiani e piccoli imprenditori che per anni hanno pagato più del dovuto”.

Ad affermarlo è la parlamentare 5Stelle in commissione Lavoro, Tiziana Ciprini, che aggiunge: “si tratta di una riforma che arriva a distanza di 20 anni dall’ultima revisione, necessaria per adeguarsi ai profondi cambiamenti avvenuti nel mondo del lavoro e tenendo conto che nel tempo si sono ampliati anche gli interventi di prevenzione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.

Il provvedimento si applica nello specifico alle tariffe dipendenti delle gestioni industria, artigianato, terziario e altre attività, oltre che quella dei premi speciali unitari di artigiani e quella del settore navigazione.

Il criterio di calcolo – prosegue Ciprini – è basato sulla gravità degli eventi lesivi e non più soltanto sugli oneri sostenuti dall’INAIL per indennizzarli e, oltre a ciò, viene aggiornato anche il nomenclatore tariffario che attribuisce tassi diversi in base ai fattori di rischio, eliminando le voci obsolete ed aggiungendone di nuove e più attuali: il risultato di questa semplificazione, con ricadute positive anche sugli aspetti gestionali del rapporto assicurativo, ha portato ad una riduzione delle voci che passano dalle precedenti 739 alle attuali 595.

Con queste misure, lo sconto per le casse aziendali sarà di circa 500 milioni di euro in più rispetto a 1,2 miliardi arrivati grazie alla riduzione lineare con il cosiddetto ‘cuneo’: sono molte le imprese che hanno investito sulla sicurezza sul lavoro, abbassando il numero degli infortuni e tutelando i propri dipendenti, e per questo meritano di pagare meno i premi assicurativi.

Un successo – conclude Ciprini – che ha quindi un doppio valore sia economico, con l’abbassamento del costo del lavoro, che morale poiché la riduzione delle tariffe INAIL premia gli sforzi fatti dagli imprenditori artigiani”.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*