Grave ingerenza Prefetto Perugia in politica, Liberati, non metta più bocca

MANCATA AUDIZIONE COMANDANTI PROVINCIALI CARABINIERI E GDF

Liberati (M5S), ringraziamo Anas per aver ascoltato

Grave ingerenza Prefetto Perugia in politica, Liberati, non metta più bocca

(Da Agenzia Regionale del Consiglio) PERUGIA – Oggi si è verificata un’ingerenza gravissima della Prefettura sulle prerogative dei consiglieri regionali e della Commissione Antimafia a Palazzo Cesaroni. L’ennesimo segnale del cortocircuito istituzionale in corso in Italia”. È quanto dichiara il capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle, Andrea Liberati.

“Questa mattina – prosegue Liberati – in Commissione d’inchiesta ‘Analisi e studi su criminalità organizzata, infiltrazioni mafiose, tossicodipendenze, sicurezza e qualità della vita’ è accaduto un fatto del tutto irrituale. All’ordine del giorno era prevista l’audizione del comandante provinciale dei Carabinieri e di quello della Guardia di Finanza.

Al loro posto, invece, abbiamo ricevuto una comunicazione del Prefetto di Perugia che, con toni assolutamente fuori luogo, ci dava notizia del fatto che i predetti dirigenti dello Stato non potevano essere presenti, adducendo motivazioni per niente rispettose del mandato elettivo e della Commissione medesima.

Sono il primo a dire come la Regione Umbria non brilli assolutamente per capacità di affrontare i problemi, ma è altrettanto vero che, nelle istituzioni democratiche, ognuno deve stare al suo posto: il Prefetto di Perugia, pertanto, non provi più a metter bocca su questioni attinenti il ruolo precipuo dell’Assemblea garantito dalla Costituzione altrimenti ne chiederemo ufficialmente la rimozione”.

“Si tratta – continua Liberati – di un fatto di assoluta gravità e che, addirittura, arriva a quattro mesi dalla prima richiesta di audizione degli stessi comandanti. È una vicenda che non trova giustificazione nemmeno nell’invocata ‘leale collaborazione’, perché se il Prefetto avesse davvero ricercato tale ‘collaborazione’, avrebbe esternato in ben altri tempi e modi le sue valutazioni.

Ammesso che queste abbiano un senso, visto che travalicano abbondantemente il limite dell’accettabilità. La missiva della Prefettura va pure contro la prassi sin qui seguita, visto che i comandanti regionali e provinciali di Carabinieri e Guardia di Finanza sono già stati ascoltati in passato dalla Commissione regionale antimafia, senza che si registrasse problema alcuno.

Per questo chiediamo che la Commissione venga posta nelle condizioni di operare e che le audizioni vengano effettuate al più presto. E soprattutto – conclude Liberati – chiediamo il rispetto da parte di tutte le Istituzioni, a partire dalla Prefettura, nei confronti dell’Assemblea legislativa dell’Umbria e dei rappresentanti eletti dai cittadini”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*