Emergenza sanitaria, Pd, giunta Tesei smetta di essere autoreferenziale

 
Chiama o scrivi in redazione


Emergenza Covid, il Pd c’è e farà la sua parte per l'Umbria

Emergenza sanitaria, Pd, giunta Tesei smetta di essere autoreferenziale

“Con approssimazione, ritardi, inadeguatezza. Oltre che con una grave e pericolosa incapacità di cogliere l’urgenza e la necessità che tutti, a partire dalle forze politiche e sociali, siano chiamati a contribuire a soluzioni e proposte per uscire dall’ora più buia della nostra storia. La giunta Tesei ha piombato l’Umbria in un’emergenza nell’emergenza”.
Lo sostengono, in una nota, il commissario regionale Enrico Rossi e i candidati alla segreteria regionale Alessandro Torrini, Francesco De Rebotti, Tommaso Bori e Massimiliano Presciutti, che aggiungono: “E’ questo il momento della responsabilità e del coraggio delle scelte per la tutela della salute delle persone e dei loro diritti. Ma oltre alle difficoltà già note, questa maggioranza si dimostra disorientata e litigiosa. E mentre a Roma la Lega cambia pelle e si impegna in un fronte governativo largo in nome di un bene più grande, che è l’interesse collettivo, in Umbria rimane sorda al grido d’allarme, ma soprattutto alle proposte, che le opposizioni – e non solo – offrono con l’obiettivo di salvare l’Umbria”.
“La comunità regionale – scrivono in maniera congiunta – merita di meglio, merita rispetto. Il Pd, insieme alle forze di minoranza, è pronto a fare la sua parte. Per questo torniamo a riunire dopo anni la nostra comunità, fatto politico rilevante, e abbiamo voluto promuovere un confronto largo con iscritti e amministratori sui temi e sulle idee per l’emergenza e per il dopo emergenza”.
L’appuntamento è per domani, venerdì, sulla piattaforma Zoom. Sono invitati i segretari, i sindaci e i capigruppo, i consiglieri provinciali e i consiglieri regionali, oltre ai componenti dell’assemblea nazionale e delle commissioni congressuali.
“Porteremo le nostre proposte e ascolteremo quelle che arrivano dal territorio, dove l’impatto della pandemia sta lasciando segni evidenti e drammatici – continuano – Siamo convinti che prima di tutto servano unità d’intenti e condivisione, apertura e contaminazione, perché si possano mettere a valore istanze e indicazioni e si elaborino soluzioni all’altezza. Tracciamento, piano vaccinale, piano assunzioni sono al palo, gli ospedali sono in sofferenza e il servizio pubblico è inaccessibile. Non è questo il momento della polemica sterile e delle chiusure.
A livello regionale serve un vero e proprio gabinetto di guerra che possa gestire adeguatamente questa fase drammatica. E il Pd, che da tempo si è detto pronto alla collaborazione pubblica e istituzionale, in maniera trasparente e responsabile, sarà impegnato, nei prossimi giorni, ad alimentare quanto più possibile un confronto largo e propositivo dal quale possano arrivare il sostegno necessario e il rafforzamento delle proposte che le forze di minoranza hanno messo sul tavolo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*