Tesei ha scelto i direttori, ecco i nomi, ufficialità lunedì

Asl2 stop stabilizzazione dei dirigenti, c'è indagine interna

Tesei ha scelto i direttori, ecco i nomi, ufficialità lunedì

Donatella Tesei ha scelto ieri i direttori di Palazzo Donini e definito tre caselle su quattro per la sanità. La presidente ha scelto di confermare Luigi Rossetti, cui dovrebbe essere affidato lo sviluppo economico e l’agricoltura. Alla sanità, invece, è atteso un fidatissimo dell’assessore veneto Luca Coletto: Claudio Dario, manager con esperienza tra Padova e Trento.

L’altra scelta è Carlo Cipiciani, già al lavoro a Palazzo Donini come responsabile della “programmazione strategica” e della comunicazione.  Il volto nuovo, invece, può essere l’ingegnere Stefano Nodessi Proietti. Dunque resterebbero fuori Dante De Paolis e Leonardo Naldini.

L’ufficialità arriverà lunedì. Ciro Becchetti e Lucio Caporizzi, due dei dirigenti più esperti della Regione, saranno in pensione dal primo gennaio ma hanno accettato di restare per altri sei mesi a Palazzo Donini, lo faranno a titolo gratuito.

I due commissari delle Usl, Luca Lavazza e Massimo Braganati, hanno deciso di lasciare l’Umbria per accettare altri incarichi in Emilia e in Friuli: a partire dal 3 gennaio saranno sostituiti rispettivamente da Silvio Pasqui (alla Usl 1) e da Massimo De Fino (Usl 2).

La giunta regionale ha scelto anche di confermare Antonio Onnis all’ospedale di Perugia, pure lui per sei mesi. Resta solo il dubbio Terni. La decisione sul commissario Andrea Casciari è legata agli sviluppi delle vicende giudiziarie, Tesei ha tempo fino al 28 gennaio.

L’incarico per i nuovi  direttori sarà di sei mesi, prorogabili al massimo per altri sei. Lo stipendio previsto ammonta a 120 mila euro lordi all’anno, più una quota variabile fino a un massimo del 10% .

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*