Emergenza Maltempo, M5S Umbria, sterili polemiche della presidente

Arpa Umbria, M5S, la giunta faccia rispettare la legge

Emergenza Maltempo, M5S Umbria, sterili polemiche della presidente

“Siamo orgogliosi di poter dire che il piano ‘Proteggi Italia’, reso pubblico dal nostro premier Giuseppe Conte a Palazzo Chigi, rappresenti il più grande programma contro il dissesto del territorio mai predisposto sinora in Italia. E respingiamo con forza le sterili polemiche della presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, che parla di ridicole somme per la nostra regione”: lo affermano i consiglieri regionali del Movimento 5 stelle, Andrea Liberati e Maria Grazia Carbonari. “Si tratta – spiegano – di stanziamenti certi e che ammontano a quasi 11miliardi di euro per il solo triennio 2019-2021, risorse che potranno subito essere utilizzate per la prevenzione e il rafforzamento della messa in sicurezza dei territori a rischio idrogeologico.

Quello cui si riferisce la confusa governatrice sarebbe lo stanziamento di ulteriori fondi per le misure atte a fronteggiare l’emergenza maltempo dei mesi di ottobre e novembre 2018, per la quale il Governo ha già assegnato 2,6 miliardi di euro, con progetti che coinvolgono 17 Regioni e per le quali è stato a vario titolo decretato lo stato di emergenza. I fondi sono stati ripartiti alla luce del fabbisogno di ciascuna Regione, individuato sulla base delle richieste avanzate e discusse fra gli interlocutori coinvolti quindi, si suppone, anche nel costruttivo concorso della stessa Regione Umbria. Gli ulteriori fondi previsti dal piano ‘Proteggi Italia’ per interventi contro il dissesto idrogeologico saranno previsti nel triennio 2019-2021, con la compartecipazione delle competenti amministrazioni che dovranno sottoporre alla ‘Cabina Strategia Italia’ e al Cipe i progetti più urgenti e immediatamente cantierabili”.

“Invitiamo la presidente Marini a dismettere i toni della propaganda – affermano i consiglieri del Movimento 5 stelle – abbandonando le provocazioni per agire con decisione e individuare le opere più urgenti per affrontare un’emergenza provocata anche da chi, in questi decenni, ha governato senza porsi la priorità della prevenzione, della manutenzione e del rafforzamento dell’assetto idrogeologico del territorio.

Finalmente il Governo risponde concretamente a queste esigenze, superando le norme confuse e la totale mancanza di coordinamento dei passati governi. Un passo importante che porta la firma del Movimento 5 Stelle”. “La sterile polemica a tutti i costi che orienta i vertici della Regione – concludono – danneggia pesantemente i cittadini umbri, quando bisognerebbe solo rimboccarsi le maniche e lavorare sulla prevenzione, l’arma migliore per affrontare simili emergenze, non di rado occorse anche in Umbria”.

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
10 + 5 =