Elezioni Umbria, il candidato unitario Pd-M5S è Francesca Di Maolo

Elezioni Umbria, il candidato unitario Pd-M5S è Francesca Di Maolo

Elezioni Umbria, il candidato unitario Pd-M5S è Francesca Di Maolo

Pare sia stato deciso. Il nome del candidato unitario sarebbe arrivato questo pomeriggio con la venuta di Luigi Di Maio ad Assisi. Il capo politico del M5S dopo essere stato al Cortile di Francesco pare sia stato da lei, al Serafico di Assisi. Ebbene sì, il candidato unitario del Pd-M5s dovrebbe essere la presidente del Serafico, Francesca Di Maolo. Una candidatura francescana, una donna impegnata molto nel sociale.

L’accordo sembrerebbe sia stato raggiunto con il benestare di tutti, ci sarebbe anche l’ok del terzo polo: Umbria civica, verde sociale. Non c’è ancora l’ufficialità ma fonti ben informate confermano. Al telefono la diretta interessata non risponde, ha mandato un sms scrivendo: «Non posso, sono a cena».

Di Maolo pare che ancora non abbia deciso. Ha delle resistenze, perché ha degli impegni importanti con l’istituzione che guida. Ricordiamo che è la presidente del Serafico di Assisi, struttura di riabilitazione, molto conosciuta. Ma molti personaggi del mondo politico stanno facendo di tutto per convincerla, perché è l’unica – a loro dire – fuori dai giochi politici e con le caratteristiche del civismo chieste da Di Maolo e dal M5S.

Ora sta a Di Maolo decidere, ma l’ufficialità potrebbe arrivare nelle prossime ore. Intanto il Movimento 5 stelle approva il “patto civico per l’Umbria” col 60,9% che i pentastellati hanno deciso votato nella piattaforma Rousseau.

Francesca Di Maolo di 48 anni, laureata in Giurisprudenza all’Università di Perugia. E’ sposata, ha una figlia di 20 anni. Dal 2013, appunto, è presidente dell’Istituto Serafico di Assisi.

Il 60,9% dei votanti sulla piattaforma Rousseau ha dato il via libera al “patto civico” per l’Umbria annunciato da Luigi Di Maio. I votanti sono stati 35.036: i sì sono stati 21.320, i no 13.716, pari al 39,1%. La votazione era aperta a tutti gli iscritti M5S sul territorio nazionale. “Molto bene il risultato su Rousseau. Ora chiudiamo sul nome del candidato presidente e liberiamo l’Umbria dalla sola politica. I partiti facciano un passo indietro e gli umbri facciano un passo in avanti” sottolineano fonti pentastellate. “Sull’Umbria sono fiducioso” ha commentato il segretario Pd Nicola Zingaretti. “Ci sono le condizioni con lo sforzo di tutti – ha aggiunto – per arrivare a una forte candidatura, unitaria e competitiva per il bene di quella bellissima terra orgoglio di tutta l’Italia”. Secondo fonti della maggioranza il candidato sul quale Pd e M5S starebbero cercando una convergenza è la presidente del centro di riabilitazione per disabili “Serafico” di Assisi, Francesca Di Maolo.

correlati

1 Trackback / Pingback

  1. Elezioni Umbria, Di Maolo non ha ancora deciso e Pastorelli già attacca

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
16 + 15 =