Elezioni regionali Umbria slittate al 2020? Lega minaccia ricorso al Tar | Video

Elezioni, Paparelli, patto civico in sostegno di un presidente con programma comune

Elezioni regionali Umbria slittate al 2020? Lega minaccia ricorso al Tar

Sembra che abbiano trovato un cavillo per rinviare il voto al 2020 e che la Lega stia preparando un ricorso al Tar. E’ quanto circola in questi giorni in Umbria in merito alla data delle elezioni regionali. Non più a novembre 2019 dunque, ma si potrebbe votare a gennaio 2020.

La Nazione Umbria oggi ha ripreso l’argomento. Il motivo si trova nella sentenza del giudice civile di Perugia che tra novembre e dicembre dovrà pronunciarsi sul ricorso alla legge elettorale promosso da un Comitato e, nel frattempo, utilizzare i circa tre milioni di euro – che è all’incirca il costo della tornata elettorale umbra – per tappare il buco sui trasporti pubblici.

Ovviamente è solo un ipotesi, ma qualora fosse vero, c’è già chi si sta muovendo per fare un eventuale ricordo. La notizia è comunque arrivata direttamente dal presidente in pectore, Fabio Paparelli che l’ha “ventilata” anche alla riunione di martedì scorso con i sindaci preoccupati proprio per il taglio delle corse degli autobus. La soluzione sui trasporti potrebbe non dispiacere ai primi cittadini.



Per trovare i tre milioni per le elezioni la Giunta dovrebbe comunque fare una variazione di bilancio: a questo punto i soldi “risparmiati” per il voto andrebbero a coprire l’emergenza-trasporti, caricando sul bilancio 2020 il costo elettorale, oltre alle indennità che i consiglieri in carica continuerebbero a percepire fino ad anno nuovo.

Il presidente entro il 29 agosto dovrà prendere una decisione e, ovviamente, verificare se l’eventuale slittamento a gennaio sia consentito. Se così fosse l’Umbria andrebbe alle urne insieme a Emilia e Calabria.

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
11 + 12 =