Economia, la minoranza chiede la convocazione della Conferenza regionale dell’economia e del lavoro

 
Chiama o scrivi in redazione


Economia, la minoranza chiede la convocazione della Conferenza regionale dell’economia e del lavoro

Economia, la minoranza chiede la convocazione della Conferenza regionale dell’economia e del lavoro

“Esprimo soddisfazione per la richiesta, condivisa da Tommaso Bori, Simona Meloni, Fabio Paparelli, Michele Bettarelli (Pd), Thomas De Luca (M5S), Andrea Fora (Patto civico) e Vincenzo Bianconi (Misto), di convocazione della Conferenza regionale dell’economia e del lavoro.

© Protetto da Copyright DMCA

Un’esperienza che Palazzo Cesaroni ha già promosso nel 2018, e che potrà essere la sede opportuna per pianificare insieme, in maniera sostanziale e non formale, la ripartenza della nostra regione, attraverso il confronto concreto tra tutte le componenti produttive, sociali, sindacali, economiche, accademiche e istituzionali dell’Umbria”. Così la consigliera regionale del Partito democratico, Donatella Porzi, vicepresidente della Prima commissione, annunciando “la richiesta inoltrata e sottoscritta da tutta minoranza della convocazione del Crel”.

“Servono le sedi opportune – dice Porzi – affinché venga avviata quella fase partecipativa vitale per la concertazione e la progettazione di una fase di rilancio dell’intera vita della regione. Attendiamo infatti che questa presidenza, abbandonando per un momento la visione di parte, si senta investita di questa responsabilità e si attivi immediatamente per la convocazione e l’organizzazione, compatibilmente con l’emergenza sanitaria in atto, della Conferenza regionale dell’economia e del lavoro”.

“La nostra economia – prosegue Porzi – ha urgente bisogno di un coordinamento in grado di prevedere gli scenari del prossimo futuro. Tutti insieme abbiamo il dovere di analizzare le criticità, studiare e progettare soluzioni in grado di risollevare la situazione economica della nostra regione. Ne sono colpiti i territori cosiddetti ‘marginali’, ma anche realtà industriali e commerciali più importanti.

E’ nostro dovere dunque farci promotori della ripartenza, attraverso una riunione del Crel che avrà come tema ‘l’analisi della grave situazione economica e le possibili soluzioni di rilancio nel medio e nel lungo termine’. E’ il momento di dare risposte concrete ai cittadini, abbandonando ostruzionismo e tatticismo come ci chiedono gli umbri”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*