Discriminazione idonei esclusi Polizia interrogazione Fiammetta Modena

Discriminazione idonei esclusi Polizia interrogazione Fiammetta Modena

‼️ #Interrogazione al Ministero dell’Interno Matteo Salvini – Discriminazioni in atto verso gli #IdoneiEsclusi del concorso di #Polizia‼️

Premesso che sono state già portate all’attenzione del Ministro in indirizzo discriminazioni aventi ad oggetto il bando di concorso per l’assunzione di 1.148 allievi agenti della Polizia di Stato;

il 27 ottobre 2017, sono state approvate dal capo della Polizia e pubblicate sul sito della Polizia di Stato le 3 graduatorie dei quiz, relative alle lettere a), b) e c) del bando. Allo svolgimento delle successive prove venivano convocati per la categoria a) del concorso i primi 3.443 candidati della relativa graduatoria della prova scritta. Ultimati gli accertamenti fisici, psichici e attitudinali, circa il 50 per cento dei candidati risultavano “idonei”;

durante la seconda fase, relativa agli idonei, i candidati potevano sulla base degli accertamenti fisici, psichici ed attitudinali, esclusivamente essere dichiarati “idonei” a svolgere il corso di formazione per allievo agente della Polizia di Stato, o altrimenti “non idonei”. Giova evidenziare che nessun candidato idoneo con un punteggio inferiore in graduatoria avrebbe potuto scavalcare un altro candidato idoneo con punteggio maggiore, e cioè con una posizione in graduatoria più alta;

il 27 ottobre 2017, con decreto del capo della Polizia, direttore generale della pubblica sicurezza n. 333-A/9802.A.2 del 23 ottobre 2017, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, 4ª serie speciale, “Concorsi ed esami”, è stato disposto l’ampliamento dei posti per i concorsi pubblici per l’assunzione di complessivi 1.148 allievi agenti della Polizia di Stato, e nello specifico i posti a concorso sono stati incrementati per la categoria a) di 289, e quindi da a 893 a 1.182. Dei dichiarati “idonei”, quindi, 1.182 hanno iniziato la fase di formazione presso gli istituti della Polizia di Stato a partire dal mese di maggio 2018;

il 9 novembre 2018, sulla Gazzetta Ufficiale, 4ª serie speciale, “Concorsi ed esami”, è stato pubblicato il decreto n. 333-A/9802.A.2, del 29 ottobre 2018, tramite il quale è stata assorbita ed avviata ai corsi di formazione la restante parte di “idonei”, 459 per l’esattezza;

nel corso dell’iter del decreto-legge 14 dicembre 2018, n. 135 (“decreto semplificazioni”), poi convertito, con modificazioni, dalla legge 11 febbraio 2013, n. 12, il Gruppo Lega ha proposto un testo emendativo (11.17, testo 4, a firma dei senatori Augussori, Saponara, Campari, Faggi, Pepe, Pergreffi), indicante lo scorrimento della graduatoria a) della prova scritta. Tale scorrimento, così come formulato e approvato, ha modificato radicalmente il bando del concorso escludendo chi, anche se in graduatoria, avesse compiuto 26 anni prima del 1° gennaio 2019 e chi non avesse come titolo di studio, sempre entro tale data, il diploma di scuola superiore;

il 13 marzo 2019, è stato emesso dal capo della Polizia Gabrielli il decreto che individua i soggetti tra coloro che siano in possesso dei nuovi requisiti attinenti all’età e al titolo di studio;

si determina, pertanto, uno scorrimento della graduatoria del concorso con i nuovi limiti, e vengono pubblicate 3 distinte tabelle (tabella “a” ammessi, tabella “b” esclusi e tabella “c” da accertare per l’ammissione);

l’articolo 3 del suddetto decreto, in applicazione della recente normativa: opera la denunciata discriminazione nei confronti dei soggetti privi dei requisiti di età e titolo di studio; si presta a dubbi ulteriori con riferimento alla lettera c) del comma 3, che permetterebbe una sorta di procedura di verifica non ben identificata; non risolve la questione degli idonei non vincitori che hanno partecipato per l’aliquota ex militare. In merito sono state assorbite 490 persone risultate idonee non vincitrici del concorso per l’aliquota civile, mentre i militari ed ex militari con lo stesso status da “INV” dello stesso concorso non sono stati considerati,

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*