Cinghiali a passeggio per la città di Perugia, interrogazione della consigliera Mori

 
Chiama o scrivi in redazione


Cinghiali, si farà tavolo con tutte le associazioni per risolvere problema

Cinghiali a passeggio per la città di Perugia, interrogazione della consigliera Mori

La sicurezza è un tema fondamentale per la nostra città e lo deve essere sempre, a 360°! Anche in questa difficile emergenza sanitaria complice il lockdown l’attenzione non deve diminuire, quando le città silenziose e deserte possono essere conquistate…. dalle aree verdi alle periferie, anche perché Perugia ha moltissime aree verdi e parchi cittadini tanto da essere tra le prime città italiane per numero di aree verdi in base alla popolazione.

© Protetto da Copyright DMCA

Nelle ultime settimane la nostra città sta assistendo ad un’intensificazione di uno strano fenomeno che mi è stato segnalato da numerosi nostri concittadini che temono per la propria incolumità: sono stati avvistati cinghiali che passeggiano beatamente per i parchi cittadini e non solo.

Ieri sera ne è stato incontrato uno sopra al Sodalizio di San Martino ed al Parco Chico Mendez, giorni scorsi addirittura un branco intorno al percorso verde di Pian di Massiano, oltre che nella zona presso la stazione e senza valigia!

Si tratta ovviamente di una situazione allarmante in quanto, anche se incontrati singolarmente, sappiamo che i  cinghiali sono animali sociali, che vivono in gruppi composti da una ventina di femmine adulte con i propri cuccioli. Generalmente, il gruppo rimane nello stesso territorio finché le risorse sono sufficienti al proprio sostentamento, per poi abbandonarlo alla ricerca di aree più ricche di cibo qualora la disponibilità alimentare diminuisca… questo spiega l’apparizione improvvisa di cinghiali in aree dove storicamente la loro presenza non è contemplata.

Tuttavia i cinghiali sono noti per il loro temperamento aggressivo: qualora presi alla sprovvista o messi alle strette, anche se feriti,  attaccano senza pensarci due volte, combattendo strenuamente e risultando molto pericolosi. Pensiamo alla scrofa che senta minacciati i propri cuccioli: può senza dubbio attaccare.

Ed è superfluo ricordare che nei parchi si muovono famiglie, anziani, bambini, animali domestici ed il rischio può essere perciò elevato.

Ho dunque presentato questa mattina un’interrogazione per chiedere all’Amministrazione comunale se è a conoscenza della situazione e quali siano le azioni che il Comune di Perugia pensa di porre in essere al fine di scongiurare questi  fenomeni e se intende mettere in campo una serie di controlli per garantire la sicurezza dei cittadini, quali un monitoraggio dei rifiuti, un numero verde  per segnalare la presenza di cinghiali in città ed eventuali sanzioni a chi darà da mangiare agli ungulati.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*