Cade la giunta del comune di Ferentillo, per De Luca spettacolo inaccettabile

 
Chiama o scrivi in redazione


Cade la giunta del comune di Ferentillo, per De Luca spettacolo inaccettabile

Cade l’amministrazione guidata da Enrico Riffelli, diventato sindaco con le elezioni del maggio 2019. Sei consiglieri comunali si sono dimessi ricorrendo al cosiddetto ‘ultra dimidium’, istituto previsto dall’articolo 141 del Tuel. I sei consiglieri che hanno rassegnato le dimissioni sono Elisabetta Cascelli, Massimiliano Costantini, Giacomo Martinelli, Roberto Pellini, Lavinia Rossi e Pierfederico Runcini.

“Non conosco i retroscena e gli intrecci politici che hanno portato alla fine prematura del consiglio comunale di Ferentillo, ma lo ritengo uno spettacolo inaccettabile. Una sola lista, un solo sindaco, un solo programma e non sono stati capaci di sedersi intorno ad un tavolo e trovare una sintesi per il bene della comunità. Mentre si è data vita a questo teatro di litigi spiccioli sono stati persi finanziamenti regionali importanti per lo sviluppo turistico e la tutela del territorio. I cittadini ferentillesi pagano profumatamente tasse e servizi ed hanno diritto ad un’amministrazione seria che pensi a risolvere i problemi, non a crearli.  Turismo, agricoltura, eventi, marketing territoriale, infrastrutture, servizi e tradizioni questi devono essere i temi centrali da cui ripartire”. E il commento di Thomas De Luca consigliere regionale del M5s.

Ora la prospettiva è quella del commissariamento prefettizio e, quindi, la fissazione di nuove elezioni amministrative, forse già la prossima primavera fra maggio e giugno.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*