Applicazione contratto nazionale ospedale Perugia respinta mozione Bori

"Assemblea legislativa divisa: il dibattito sui Coordinamenti e le Posizioni Organizzative nell'Ambito Sanitario Umbro

Applicazione contratto nazionale ospedale Perugia respinta mozione Bori
Tommaso Bori

Applicazione contratto nazionale ospedale Perugia respinta mozione Bori

 

Applicazione contratto nazionale – Nella seduta dell’Aula di Palazzo Cesaroni, tenutasi il 28 novembre 2023, è emersa una netta divisione tra i consiglieri legislativi riguardo alla mozione presentata da Bori e Meloni del Partito Democratico (Pd). La proposta, volta ad impegnare l’Esecutivo regionale a consultarsi con le sigle sindacali per definire atti istituzionali condivisi e conformi alle normative vigenti, ha suscitato un acceso dibattito.

Con 6 voti favorevoli provenienti dai consiglieri di minoranza e altrettanti contrari da parte di quelli di maggioranza, l’Assemblea legislativa ha respinto la mozione, evidenziando divergenze di opinione sull’interpretazione e l’applicazione delle normative sanitarie nella regione Umbria.

La consigliera Meloni, nel presentare la mozione, ha sottolineato la necessità di applicare contratti, leggi e normative rispettando i pareri dell’Aran. Ha specificato che, secondo il Ccnl del comparto sanità 2019-2021, le Aziende sanitarie regionali devono definire il sistema degli incarichi conformemente all’articolo 24 del Ccnl. Tuttavia, ha sollevato preoccupazioni riguardo alla mancata attuazione del processo di istituzione ed assegnazione degli incarichi di funzione nelle Aziende sanitarie ed ospedaliere dell’Umbria, con particolare attenzione all’Azienda ospedaliera di Perugia.

La consigliera ha evidenziato che, nonostante il Ccnl 2016/2018 prevedesse la cessazione degli incarichi di posizione e coordinamento solo al completamento del processo di istituzione ed assegnazione degli incarichi di funzione, molte aziende hanno fissato arbitrariamente una scadenza al 31 dicembre 2023. Tale decisione è stata contestata, definendola contraria alla disciplina contrattuale e ingiusta per i lavoratori.

Inoltre, Meloni ha criticato l’assenza di azioni concrete da parte dell‘Assessore preposto alla consultazione con le sigle sindacali, sottolineando la necessità di affrontare il tema in modo collettivo e completo.

La divisione nell’Aula di Palazzo Cesaroni riflette le complesse questioni legate all’applicazione delle normative contrattuali nel settore sanitario dell’Umbria, aprendo il dibattito su come garantire giustizia ed equità per i lavoratori coinvolti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*