Aldo Tracchegiani, Cambiamo Umbria, replica alle critiche politiche

Aldo Tracchegiani, responsabile Cambiamo Umbria, replica alle critiche politiche

Aldo Tracchegiani, Cambiamo Umbria, replica alle critiche politiche

Le elezioni regionali dell’Umbria si avvicinano, e con esse si accende il dibattito politico che infiamma le file della coalizione di centro destra, soprattutto in merito alla recente scissione, avviata dal presidente Giovanni Toti, da FI. Il dott. Aldo Tracchegiani, coordinatore umbro del neonato movimento “Cambiamo”, risponde alle recenti critiche avviate da alcuni esponenti di FI, partito dal quale ha preso le distanze per perseguire la nuova idea di cambiamento avviato dal presidente Toti.

Sono felice delle recenti critiche ricevute dagli esponenti del mio ex partito, in quanto denotano rammarico, pur velato da aspre note di dissenso, in merito alla mia recente uscita da FI. Sono felice, qui mi ripeto, in quanto ciò dimostra che la mia scelta, inizialmente un azzardo politico di non poco conto, soprattutto tenendo conto degli incarichi che mi erano stati assegnati, si dimostra giusta ed in linea con il mio pensiero che, nel corso di questi anni di instancabile impegno politico, ha accompagnato la mia personalissima idea di cambiamento.

Un’idea che vede come unico obiettivo il miglioramento della condizione di vita dei cittadini della mia tanto amata regione; obiettivo che seguo già quotidianamente con i miei pazienti, in quanto medico. Le critiche che mi sono state affibbiate, seppur indirettamente, vorrebbero bollarmi come un ‘traditore‘ e un arrivista che segue i suoi ‘interessi personali’, ma è proprio su questo punto che invito i lettori a una riflessione: chi è il peggior traditore?

Un uomo, che abbandona più volte la propria posizione politica per il perseguimento di un’idea personale e libera, volta ad un cambiamento necessario ed ineluttabile per questa logora regione; o un ‘soldatino‘, la cui militanza non è nient’altro che puro servilismo e obbedienza nei confronti di dinosauri avvinghiati alle loro poltrone ormai da troppo tempo, e che si sente gratificato da incarichi di poco peso che gli vengono dati come briciole di pane ai piccioni in piazza?

Significa forse seguire interessi personali, abbandonare un progetto politico fallimentare, ormai antico e superato, che non muove piacevoli brezze di innovazione, ma anzi continua ad inquinare i palazzi dei nostri comuni e della nostra regione, con personaggi privi di idee concrete, che ubbidienti zittiscono le loro stesse volontà per paura di essere privati dei loro comfort personali?

La politica è fatta di donne e uomini liberi

La politica è fatta di donne e uomini liberi, lavoratori con sani principi e idee incorruttibili, che sono pronti a tutto pur di consegnare concreti risultati al Paese e che rendono questa nobile arte un impegno, il cui fine è servire l’unico e vero padrone, cioè il popolo. Con questo chiudo la porta ad ogni possibile polemica, in quanto il mio attuale e principale obiettivo non sono inconcludenti chiacchiere ma un umile ed inesorabile lavoro che riporti l’Umbria nella mani di persone capaci”.

Coordinatore Regionale Umbria Cambiamo
Dr Aldo Tracchegiani

Commenta per primo

Rispondi