Riqualificazione di piazza Turati a Castel del Piano, 90mila euro di investimento

Riqualificazione di piazza Turati a Castel del Piano, 90mila euro di investimento

Riqualificazione di piazza Turati a Castel del Piano, 90mila euro di investimento


Prenderanno il via nei prossimi giorni i lavori per l’intervento di riqualificazione di piazza Turati a Castel del Piano, finanziato direttamente dal Comune di Perugia con un importo di 90mila euro nell’ambito del “piano strade/piazze e marciapiedi” 2021. Piazza Turati, principale area aggregativa del quartiere di Castel del Piano, antistante la chiesa, verrà integralmente risistemata: oltre alla pavimentazione si prevede il posizionamento di aiuole a verde con cespugli e siepi basse per creare un filtro tra l’uso pedonale della piazza ed il traffico veicolare.
Cambierà in maniera sostanziale anche il collegamento pedonale tra l’area ed il resto del quartiere secondo due assi che passeranno, rispettivamente, di fronte all’ingresso della chiesa, e nei pressi del monumento ai caduti recentemente restaurato con Art bonus ed inaugurato il 17 dicembre 2021.
dI Simona Cortona

Altre opere previste nel progetto riguarderanno: lo spostamento della fontanella, oggi ubicata al centro della piazza, in una posizione più laterale onde permettere un più ampio utilizzo degli spazi, la sostituzione delle panchine esistenti con nuovi arredi urbani; l’adeguamento della pubblica illuminazione per valorizzare l’intera area riqualificata.

“Prosegue l’attenzione dell’Amministrazione per la valorizzazione delle piazze cittadine, sia della periferia che del centro storico, con l’obiettivo di renderle punti nevralgici per l’aggregazione e la socialità – sottolinea l’assessore ai lavori pubblici, infrastrutture ed ambiente Otello Numerini – Nel caso di specie l’intervento di riqualificazione di piazza Turati a Castel del Piano, molto atteso dai residenti, va a completare idealmente l’opera di restauro del monumento ai Caduti con le erogazioni liberali dell’Art Bonus (mecenate Francesco Pace Acacia Group) restituendo così alla cittadinanza un’area rifunzionalizzata, ben collegata pedonalmente al resto del quartiere e, quindi, fruibile da tutti, giovani, anziani e famiglie”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*