Riqualificazione della pista ciclabile del fiume Tevere, cintura dei Ponti

 
Chiama o scrivi in redazione


Riqualificazione della pista ciclabile del fiume Tevere, cintura dei Ponti

Prenderanno il via con il nuovo anno i lavori di riqualificazione del percorso ciclo-pedonale lungo il fiume Tevere, da Villa Pitignano a Ponte San Giovanni, che permetteranno di unire l’intero tratto, favorendone una migliore fruibilità, più adeguata anche a fini turistici.

Nella mattina di giovedì 29 ottobre il Sindaco Andrea Romizi e l’assessore all’ambiente Otello Numerini, accompagnato dai tecnici del Comune –il dirigente Vicenzo Piro, Rup del progetto, i geometri Fusini e Rinaldi e l’ing. Castellini- e dai diversi progettisti –l’Arch. Andrea Dragoni, l’Ing. Paolo Anderlini dello studio AGT Ingegneria, l’ing. Riccardo Ricci (Pan Ingegneria) e l’Arch. Maria Cristina Curti- hanno effettuato un sopralluogo nell’area, in vista dell’avvio della pubblicazione della gara, che dovrebbe essere avviata già la prossima settimana.

Il progetto prevede tre lotti separati, il primo riguardante il tratto del percorso tra Villa Pitignano e Ponte Valleceppi, il secondo da Ponte Valleceppi e Ponte San Giovanni e il terzo, relativo alla realizzazione della passerella tra le due sponde del fiume Tevere a monte dell’abitato di Ponte Felcino.

Complessivamente, l’investimento sarà di 2 milioni di euro, a valere sui fondi europei Por Fesr. Per quanto riguarda i tempi di realizzazione, invece, come anticipato, la prossima settimana sarà pubblicata la gara, quindi, è previsto l’affidamento dei lavori entro il mese di dicembre 2020, per dare avvio all’intervento già a gennaio 2021 e terminarlo nella primavera dell’anno successivo, peraltro in anticipo rispetto al termine ultimo previsto dall’UE, che scadrà nel 2023.

Gli interventi, nel dettaglio, riguarderanno l’adeguamento della viabilità esistente, la realizzazione di un adeguato sottofondo stradale nei tratti di variante al percorso esistente, la sistemazione del piano viabile, opere di consolidamento delle scarpate, canalizzazione delle acque meteoriche, la realizzazione di guadi in corrispondenza dei fossi, la realizzazione di un attraversamento fluviale a Ponte Felcino, nonché di aree di sosta attrezzate, segnaletica e cartellonistica adeguata.

“In questo modo, -ha sottolineato con soddisfazione il Sindaco Romizi- sarà fruibile nel territorio comunale di Perugia una rete di percorsi ciclo-pedonali in grado di collegare centri minori e aree di interesse naturalistico, storico, culturale, non solo del nostro comune, ma di tutta la regione, da nord a sud, favorendo le connessioni, la fruizione e lo sviluppo turistico ed economico di territori di per sé particolarmente attrattivi.”

“Il percorso ciclopedonale così riorganizzato –ha aggiunto l’assessore Numerini- si inserirà nella rete regionale organizzata di percorsi per la fruizione escursionistica e turistica, permettendo anche un’offerta di accessibilità e di spostamento alternativo, a disposizione dei cittadini, e di tutti gli amanti della natura, dello sport all’aria aperta, della vacanza attiva e della sostenibilità.”

Il primo lotto dei lavori si concentrerà su due parti del percorso esistente, la prima a ridosso dell’abitato di Villa Pitignano, nel tratto di inizio dello stesso fino alla chiusa, che costituisce oggi un punto di discontinuità del tracciato stesso, che grazie all’intervento verrà risolta; la seconda interesserà, invece, l’abitato di Ponte Felcino nel tratto di argine parallelo a via Mastrodicasa, lungo il tratto urbano puntando, attraverso la realizzazione della passerella, a superare, anche in questo caso la discontinuità oggi esistente, proseguendo poi fino al percorso attuale a ridosso del vecchio ponte di Ponte Felcino. La passerella, oggetto del terzo lotto funzionale, collegherà le due sponde del fiume all’altezza, rispettivamente, del bosco didattico e del nuovo abitato del quartiere, risolvendo il problema dell’attraversamento del fiume da parte degli utilizzatori dell’attuale pista ciclabile, interrotta proprio per la presenza del corso d’acqua.

Il secondo lotto, infine, riguarderà il tratto tra Ponte Valleceppi e Ponte San Giovanni, iniziando dal Ponte carrabile di Ponte Valleceppi, che collega le due sponde del fiume Tevere, e arrivando fino all’imbocco del Ponte di legno di Ponte San Giovanni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*