L’Agenda del Giornalista 2018 dell’Asu dedicata ai terremotati dell’Umbria

Il sindacato farà una donazione alle popolazioni della Valnerina come segnale di vicinanza e contributo a tenere alta l’attenzione sul percorso di ritorno alla normalità

L'Agenda del Giornalista 2018

L’Agenda del Giornalista 2018 dell’Asu dedicata ai terremotati dell’Umbria

L’Agenda del Giornalista 2018 dell’Asu è dedicata ai terremotati dell’Umbria, ai quali il sindacato farà una donazione per dare un segnale concreto di vicinanza alle tante persone, tra i quali diversi colleghi, che nei territori colpiti dal sisma del 2016 stanno vivendo una pagina estremamente difficile della propria esistenza.

La dignità mostrata dalla gente della Valnerina, la fierezza e il coraggio con cui uomini e donne affrontano la loro condizione, sono d’esempio per l’impegno che il sindacato rivolge ai giornalisti dell’Umbria e per lo spirito che deve unire la nostra categoria, in una difficile stagione lavorativa che non risparmia a nessuno incertezza e precarietà.

Ecco perché, con l’entusiastica condivisione del segretario generale della Federazione Nazionale della Stampa Italiana Raffaele Lorusso e del presidente Giuseppe Giulietti, il Consiglio direttivo dell’Asu ha deciso di devolvere a queste comunità i proventi residui della raccolta pubblicitaria per la stampa dell’Agenda del Giornalista 2018.

Un ringraziamento doveroso va, pertanto, alle istituzioni e alle aziende che quest’anno ci hanno aiutato a realizzare l’Agenda con la volontà di  concorrere a questo gesto di solidarietà, la cui finalità sarà resa nota nel corso di un evento pubblico che sarà organizzato prossimamente insieme agli amministratori dei Comuni della Valnerina e alla Fnsi.

Unendoci al lavoro dei giornalisti che da mesi raccontano le vicende dei terremotati con puntualità e senso del dovere, attraverso il nostro impegno contiamo di dare un piccolo contributo a tenere alta l’attenzione su un percorso di ritorno alla normalità ancora lungo, che ha bisogno della solidarietà di tutta l’Umbria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*