Emergenza pandemica e degrado Perugia, bocciata l’urgenza della mozione Tizi

Uno sportello per supportare cittadini e piccole imprese in sovraindebitamento

Emergenza pandemica e degrado Perugia, bocciata l’urgenza della mozione Tizi

«Oggi il consiglio comunale non ha permesso la deliberazione in via d’urgenza della mozione da me presentata per il gruppo consiliare M5S con cui è stato chiesto l’impegno di Sindaco e Giunta “a predisporre le misure necessarie a tutelare, soprattutto in questo periodo di emergenza pandemica, la salute e la sicurezza dei suoi cittadini, nonché ad evitare il degrado urbano”; degrado che si sta verificando, soprattutto nei fine settimana, nell’acropoli perugina in cui si assiste – nonostante l’emergenza pandemica – ad episodi di assembramento, violazione delle ordinanze che impongono l’utilizzo di mascherine, nonché di movida “selvaggia”, che rende i residenti dei veri e propri ostaggi della vita notturna.

La stampa locale ha in questi giorni pubblicato le lamentele di alcuni residenti che mettono in evidenza l’invivibilità del centro storico, invaso da giovani che, assembrandosi, schiamazzano. A ciò si aggiunga l’impossibilità nella sera di attraversare con le auto alcune vie centrali perché un muro di giovani impedisce il transito “e se uno insiste, scuotono la vettura”.

Per non parlare poi di auto rigate, specchietti danneggiati, grondaie prese a calci ed ammaccate, di vicoli utilizzati come vespasiani…

Come può permettersi tutto questo? Ma soprattutto come si può bocciare l’urgenza di una mozione con cui si chiede a Sindaco e Giunta di impegnarsi a evitare tutto questo, soprattutto in tempo di COVID-19?. (Si specifica che si sono espressi a favore dell’urgenza della mozione 15 consiglieri, ma che per la trattazione in via di urgenza necessitano 22 voti a favore)».

Lo ha dichiarato Francesca Tizi, capogruppo del M5S al comune di Perugia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*