Emanuele Prisco lascia incarico di assessore, la sua dichiarazione durante il consiglio

Emanuele Prisco lascia incarico di assessore, la sua dichiarazione durante il consiglio Emanuele Prisco si è dimesso e lascerà l’incarico di assessore dopo l’inaugurazione dello Stadio di Santa Giuliana, il prossimo 26 ottobre. E’ quanto ha dichiarato l’assessore all’Urbanistica, allo Sport e all’Architettura pubblica e privata del comune di Perugia. E’ lo ha fatto in apertura del consiglio comunale di oggi. Dimissioni previste da tempo e attese da mesi dalla città, in seguito alle elezioni del 4 marzo. Emanuele Prisco è stato eletto deputato alla Camera.

La scelta – ha detto Prisco – è stata condivisa con il sindaco Romizi che aveva chiesto all’assessore di completare alcune delle importantissime partite avviate durante la legislatura. “Ovviamente il mio impegno per Perugia non verrà meno seppur in altra veste”.

Prisco ha inteso ringraziare la propria famiglia, il sindaco, i cittadini di Perugia, i colleghi di giunta, il consiglio Comunale per il confronto, a volte duro, ma sempre contraddistinto dal rispetto reciproco. Altri ringraziamenti ai collaboratori che lo hanno accompagnato nei 4 anni di incarico, senza i quali – ha detto – non avremmo potuto fare tutto ciò che si è realizzato ed ai dipendenti comunali.

“A me è toccato l’onore di essere la prima persona espressione della destra al governo della città; certamente altri prima di me l’avrebbero meritato, Laffranco, Modena o Biagiotti solo per citarne alcuni. Credo di averlo fatto con orgoglio e impegno”.

Infine Prisco ha rivolto un invito a tutti i presenti, ossia di continuare a lavorare nell’interesse della città e nel massimo rispetto reciproco.

Il capogruppo di Fdi Stefano Mignini, a nome del suo gruppo, ha voluto ringraziare Prisco per l’attività svolta, sempre a stretto contatto coi cittadini e senza mai omettere di ascoltare le voci di tutti, anche di dissenso. Per Fdi è stato motivo di vanto aver messo a disposizione della città un amministratore che ha dedicato tutto se stesso alla tutela della città.

Un saluto commosso a Prisco è arrivato dal sindaco Andrea Romizi che ha ricordato, in apertura, le esperienzE comuni fatte con l’ormai ex assessore in circoscrizione, all’università ed in Consiglio comunale. “Ricordo la sua dedizione anche durante lo svolgimento dell’attività consiliare, sempre a contatto diretto con le persone. Un tratto che Prisco non ha mai perso come non ha mai perso la sua assoluta rettitudine”.

Romizi ha ricordato le molteplici pratiche sviluppate da Prisco durante il mandato, ex tabacchificio, stadio Curi, valorizzazione di Fontivegge, quartiere in cui è nato e per il quale aveva un’attenzione speciale. “Sono stati anni impegnativi che c’hanno richiesto tantissimi sacrifici, ma che ci hanno dato, nel contempo, tante soddisfazioni sempre agendo nell’interesse della città”.

Romizi ha riferito che, a seguito delle dimissioni di Prisco, le sue deleghe verranno così assegnate: a Fioroni andrà l’urbanistica, avendo avuto l’assessore già modo di partecipare a molte delle questioni ancora pendenti. Lo sport viene preso in carico dallo stesso sindaco, mentre il vice sindaco acquisirà maggiori oneri in merito alle partecipate.

Infine ci sarà un nuovo ingresso nell’Esecutivo quello del capogruppo di F.I. Massimo Perari che, con la sua esperienza politica, sarà chiamato ad occuparsi della complessa materia del personale.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*