Usl Umbria 1, nessun depotenziamento del pronto soccorso della Media Valle del Tevere

 
Chiama o scrivi in redazione


Usl Umbria 1, nessun depotenziamento del pronto soccorso della Media Valle del Tevere

In merito ad alcune notizie diffuse questi giorni, la direzione aziendale Usl Umbria 1 precisa che non è in atto alcun depotenziamento e smantellamento notturno del pronto soccorso dell’ospedale della Media Valle del Tevere di Pantalla, inserito nella rete dell’emergenza-urgenza regionale e nazionale.

Il pronto soccorso ha riattivato tutte le attività il 16 giugno 2020, dopo la chiusura dovuta alla trasformazione del nosocomio in ospedale per l’emergenza Covid-19, suddividendo i percorsi di accesso e garantendo tutte le misure di sicurezza per gli operatori ed i pazienti.

La presenza di infermieri per i mesi di giugno, luglio e agosto è stata di 4 unità la mattina, 4 al pomeriggio e 4 la notte, più un Oss a turno. Nei mesi in esame, nonostante gli accessi siano stati minimi, si è mantenuta la turnazione prevista anche considerando il fatto che per i pazienti era necessaria un’attesa di 4-5 ore per ottenere il risultato del tampone.

Dal primo settembre anche il laboratorio della Media Valle del Tevere gestisce autonomamente i tamponi e i risultati possono essere processati entro un massimo di due-tre ore. Dal 16 giugno al 31 agosto, inoltre, il pronto soccorso è risultato essere il meno utilizzato di tutta la Usl Umbria 1 con l’accesso di 2.230 utenti complessivi (a Città di Castello sono stati 4.417; a Gubbio-Gualdo Tadino 5.127, ad Assisi 2.739; a Castiglione del Lago 2.553; ad Umbertide 2.356) e nonostante questo la dotazione infermieristica attuale è di 4 infermieri la mattina, 4 il pomeriggio e 3 la notte più un infermiere reperibile, attivato in caso di uscita del 118.

La direzione aziendale, infine, ha autorizzato il reclutamento di 35 infermieri per garantire i turnover previsti al 31 dicembre e il reperimento di altri 81 infermieri previsti per il Piano di potenziamento e riorganizzazione della rete assistenziale territoriale, grazie al quale sarà possibile garantire ulteriori soluzioni per risolvere le problematiche di organizzazione sia ospedaliere che territoriali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*