Scuole sicure, proseguono i controlli della polizia negli istituti della provincia di Perugia

Scuole sicure proseguono controlli polizia istituti provincia di Perugia

Scuole sicure, proseguono i controlli della polizia negli istituti della provincia di Perugia

L’attività – fortemente voluta dal Questore di Perugia, Giuseppe Bellassai – ha come obiettivo quello di contrastare i fenomeni delle devianze giovanili (baby gang, bullismo), i comportamenti illeciti posti in essere, anche inconsapevolmente dalle giovani generazioni e soprattutto lo spaccio di sostanze stupefacenti in risposta anche alla richiesta delle famiglie, dei dirigenti scolastici e degli insegnanti di garantire sempre maggiore sicurezza.

Il fenomeno dell’uso e dello spaccio di sostanze stupefacenti, infatti, assume maggior rilevanza e desta ancor più allarme sociale nella collettività se inserito nel contesto scolastico, andando a coinvolgere ragazzi che, nella maggior parte dei casi, sono minori di minore età.

Proprio per questo motivo il Questore di Perugia ha programmato una serie di controlli nelle scuole del capoluogo. Nel corso della settimana il monitoraggio ha interessato l’Istituto “Cavour – Marconi – Pascal” con l’impiego di operatori della Divisione Anticrimine e di due equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Umbria-Marche coordinati sul posto da un Funzionario. I controlli non hanno portato al rinvenimento di sostanze stupefacenti.

Nel corso dell’operazione è stata riscontrata un’ampia collaborazione da parte dei Dirigenti Scolastici e di tutto il personale scolastico che hanno manifestato apprezzamento e gratitudine per la costante azione di prevenzione da parte della Polizia di Stato nelle scuole.

La Questura di Perugia ricorda che possono essere comunicate situazioni di bullismo, violenza, disagio contattando il Numero Unico di Emergenza o scaricando gratuitamente l’App “YouPol” per segnalare alla Sala Operativa ogni forma di uso/spaccio di sostanze stupefacenti, ogni violenza di cui si è a conoscenza e si è testimoni, ogni fatto reato per il quale chiedere aiuto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*