San Sebastiano celebrato a Perugia il patrono della polizia locale 📸 FOTO

 
Chiama o scrivi in redazione


San Sebastiano celebrato a Perugia il patrono della polizia locale 📸 FOTO

San Sebastiano! E’ stato celebrato mercoledì 20 gennaio a Perugia il patrono della polizia locale. Piazza IV Novembre ha accolto tutti i mezzi, auto e moto. della polizia locale di Perugia, i suoi uomini e le sue donne. In prima fila, a portare il saluto a tutte le autoritĂ  che hanno partecipato alla cerimonia, la Comandante della polizia locale Nicoletta Caponi. Un evento piĂą ristretto, a causa delle regole imposte per il contenimento della diffusione del covid-19, ma pur sempre importante.

© Protetto da Copyright DMCA

La festa con mascherine e distanza di sicurezza è iniziata con la celebrazione alle ore 11 della Santa Messa nella Cattedrale di San Lorenzo, officiata da monsignor Cardinale Gualtiero Bassetti. Erano presenti le autorità civili: dal sindaco Andrea Romizi, all’assessore Luca Merli ed Edi Cicchi, e militari, dai Carabinieri del comando provinciale di Perugia alla Guardia di Finanza, la polizia di Stato e tutte le altre autorità. Presente anche il procuratore capo della Repubblica Raffaele Cantone e il Prefetto di Perugia, Armando Gradone e il questore di Perugia, Antonio Sbordone.

Alle ore 12, presso la sala della Vaccara, si è tenuta la cerimonia di consegna delle targhe agli agenti pensionati ed a quelli che hanno raggiunto i 25 anni di servizio, nonché la consegna al reparto di Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia delle somme raccolte grazie alle donazioni del personale della polizia locale.

Al termine della celebrazione, come da tradizione, si sono susseguiti gli interventi dell’assessore alla sicurezza Luca Merli e del Comandante della polizia locale Nicoletta Caponi.

Aprendo il suo intervento la Comandante Nicoletta Caponi ha tenuto a sottolineare come, nel 2020 siamo stati investiti da un’emergenza che non è paragonabile alle criticità degli ultimi 60-70 anni: “in relazione a quanto accaduto dall’8 marzo fino ad oggi mi sento di aderire pienamente a quanto sostenuto da Papa Francesco: dobbiamo abbandonare l’io ed utilizzare solo la parola noi; l’unità è più grande del conflitto, la vicinanza e la fratellanza sono l’unica strada per salvarci, nessuno si salva da solo, soprattutto in un’emergenza delle dimensioni di quella che stiamo vivendo”. Un’unione necessaria tra gli appartenenti al Corpo, tra tutte le forze di polizia, le Istituzioni ed i cittadini.

Riflettendo sull’attuale situazione va detto che la serietà e la compostezza sono le caratteristiche che più fanno brillare una persona delle Istituzioni quando il buio della malattia, della disperazione, del disagio giovanile, della mancanza di lavoro e di risorse economiche si fa più sentire; un ringraziamento va rivolto, quindi, ai membri della polizia locale per quando sono stati fari nel buio, con una parola, con un consiglio, con un sorriso, con un atteggiamento e per quando hanno saputo essere squadra.

Nel ricordare che ai piedi del Vittoriano, a Roma, vi sono due statue che simboleggiano da un lato la Forza e la Concordia e dall’altro il Sacrificio e il Diritto, la Comandante ha spiegato che l’unità di una comunità si può ottenere solo fondendo questi valori: la Forza con la Concordia ed il Sacrificio con il Diritto e quindi con il rispetto delle regole.

Nel ringraziare Sindaco, Assessore e Amministrazione Comunale per la vicinanza, Caponi ha rivolto un invito a loro chiedendo coesione e capacitĂ  di fornire obiettivi certi, concreti e perseguibili, che il Corpo si impegnerĂ  a realizzare.

Ai rappresentanti delle altre Istituzioni e delle Forze di Polizia ha poi rinnovato la disponibilitĂ  e la collaborazione a lavorare uniti per il benessere dei cittadini.

Ai cittadini di Perugia ha chiesto rispetto, supporto e collaborazione, assumendo l’impegno  ad organizzare il servizio della Polizia Locale in modo da poter soddisfare le loro legittime esigenze.

Ringraziamenti finali a tutto  il personale della polizia locale per la compostezza e determinazione con cui ha lavorato in tempi emergenziali  superando notevoli difficoltà, ed a  tutti i colleghi che sono stati collocati a riposo nell’anno appena trascorso nonché quelli che nel tempo hanno fatto parte del Corpo: “ognuno di loro ha contribuito a renderlo vivo ed attivo, amando la nostra uniforme ma soprattutto la nostra gente”.

L’assessore Luca Merli ha confermato che il 2020 è stato un anno difficile e di lavoro duro e sconosciuto. In questo contesto la Polizia Locale ha dimostrato tutte le sue capacità, la competenza, l’impegno e a disponibilità senza mai sottrarsi ai suoi impegni, lavorando di squadra al suo interno e nel rapporto con Istituzioni e forze dell’ordine.

Il lavoro di squadra – rimarca Merli – è fondamentale: tutti, soprattutto in tempi di pandemia, siamo chiamati a dare il nostro massimo perché ciascuno di noi è parte di una comunità. Rivolgendosi ai membri del Corpo della polizia locale, l’assessore ha detto: “voi indossate una divisa importante quanto difficile, che rappresenta voi ed il Comune di Perugia, ma soprattutto che rappresenta un punto di riferimento per ogni cittadino. Grazie, dunque, per quanto fate ogni giorno, specie in temi così complessi”.

L’assessore Merli ha poi rappresentato ai presenti che l’Amministrazione comunale sta lavorando da tempo per coadiuvare la polizia locale e rafforzarne l’attività; ciò sta avvenendo tramite la previsione di un massiccio piano di assunzioni, con la destinazione di risorse per il personale e la previdenza, con la sostituzione dei mezzi obsoleti e delle divise. Infine il Comune è alla ricerca di una nuova sede per il Corpo della polizia locale.

“Sono certo che questa positiva sinergia tra Amministrazione e polizia locale continuerà nel tempo e porterà al raggiungimento di tutti i risultati che auspichiamo”.

Per ciò che riguarda il resoconto dell’attività svolta dalla polizia locale (che si allega al presente comunicato) anche nel 2020 la polizia locale ha fatto registrare numeri importanti in merito ai servizi svolti. A titolo esemplificativo si citano, tra gli altri, oltre 800 incidenti stradali rilevati, oltre 10mila interventi gestiti dalla centrale operativa, quasi 1400 atti di polizia giudiziaria, 884 ordinanze temporanee sulla circolazione e 53 permanenti., 126 tso (trattamenti sanitari obbligatori) eseguiti.

I membri del corpo nel 2020 hanno percorso oltre 558mila chilometri.

Le statistiche sugli 802 incidenti rilevanti segnalano che la causa principale è la violazione dell’art. 141 (velocità) con 119 casi, mentre l’età più soggetta è quella tra 35 e 49 anni (415).  In 550 casi su 802 i soggetti coinvolti sono risultati illesi, in 231 feriti, mentre i casi più gravi sono rispettivamente 12 (prognosi riservata) e 9 (mortali).

Il mese più difficile è stato settembre con 95 incidenti, il giorno martedì con 135 incidenti, l’orario quello delle 17 con 65 casi.

Passando alla statistica delle violazioni al codice della strada, spiccano le sanzioni relative all’art. 7 (regolamentazione della circolazione nei centri abitati) con oltre 28mila, poi art. 146 (violazione della segnaletica) con 4738.

Successivamente, presso la sala della Vaccara, si è tenuta la cerimonia di consegna delle targhe agli agenti pensionati ed a quelli che hanno raggiunto i 25 anni di servizio

In particolare è stata consegnata una targa al S. Ten. Simoni Roberto, al S. Ten. Mezzetti Francesco, all’App. Sc. Pagnotta Antonio, all’App. Sc. Tampellini Pierluigi, agli Istruttori Amministrativi Tutarini Gianfranco e Fiori Giacomo, dipendenti collocati a riposo durante il 2020.

Inoltre è stato consegnato un distintivo al personale che ha raggiunto i 25 anni di servizio continuativo all’interno del Corpo: Col. Caponi Nicoletta, Ten. Col. Vitali Antonella, Cap. Cesarini Stefania, S. Ten. Ercolani Raffaela, S. Ten. Rondini Roberta, S. Ten. Polonzani Stefano e S. Ten. Costa Barbara.

Infine la Comandante ha consegnato nelle mani del direttore del reparto di Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia Prof. Maurizio Caniglia l’assegno di 1850 euro frutto delle offerte del personale della S.O. Sicurezza e del Servizio Segnaletica del Comune di Perugia e del CAMEP – Club Auto e Moto d’Epoca.


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*