Puletti (Lega), “Prorogare la caccia al cinghiale per frenare il diffondersi della peste suina africana”

Puletti (Lega), strategie per sopperire all'aumento dei prezzi dei prodotti agricoli

Puletti (Lega), “Prorogare la caccia al cinghiale per frenare il diffondersi della peste suina africana”

“Prorogare la caccia al cinghiale per frenare il diffondersi della peste suina africana”. È la richiesta che il consigliere regionale della Lega Umbria, Manuela Puletti, fa all’assessore Roberto Morroni, dopo “aver avviato un’interlocuzione con i rappresentanti delle associazioni venatorie umbre”.


Fonte: Acs Umbria


“La peste suina africana – spiega Puletti – è una malattia virale altamente contagiosa e spesso mortale che colpisce suini e cinghiali. Pur non essendo trasmissibile agli esseri umani, il diffondersi della PSA potrebbe provocare pesanti ripercussioni sul patrimonio zootecnico suino, con danni ingenti per il comparto produttivo e il commercio di animali vivi e dei loro prodotti. La Regione Umbria si è dunque attivata per intraprendere una serie di confronti con realtà del mondo venatorio ed esperti del settore, iniziando dal Direttore generale dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Umbria e delle Marche Vincenzo Caputo che interverrà mercoledì prossimo in Seconda commissione, al fine di elaborare le strategie di contenimento adeguate alle circostanze”.

“In tale contesto – prosegue Puletti – ho avviato personalmente un’interlocuzione con alcuni rappresentanti delle associazioni venatorie umbre, raccogliendo consenso pressoché unanime all’ipotesi di una deroga al calendario venatorio che autorizzi interventi di contenimento dei cinghiali da parte dei cacciatori oltre il termine previsto. Sulla base delle indicazioni fornite dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra), secondo cui è di cruciale importanza limitare la diffusione della PSA attraverso l’adozione di misure che dovranno riguardare anche lo svolgimento dell’attività venatoria, ho chiesto all’assessore Roberto Morroni di prorogare la caccia al cinghiale nella nostra regione per il periodo necessario al contrasto del dilagare della peste suina africana. L’obiettivo che tale misura dovrà perseguire – conclude – è quello di implementare il piano di abbattimento di cinghiali, permettendo così all’Umbria di adeguarsi al target previsto”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*