Perugia, sì al progetto per efficientamento energetico bocciofila di via Aretino

Perugia, sì al progetto per efficientamento energetico bocciofila di via Aretino

La giunta, nel corso della seduta del 15 dicembre, ha approvato, su proposta dell’assessore ai lavori pubblici, infrastrutture ed ambiente Otello Numerini, il progetto esecutivo relativo all’efficientamento energetico della bocciofila “Pietro l’Aretino” di via Aretino.


Fonte: Servizio Giunta Comune Perugia


L’intervento, per complessivi 276mila euro è finanziato dalla Regione dell’Umbria nell’ambito delle risorse messe a disposizione dal POR FESR 2014 – 2020 con contributo a carico del bilancio comunale.

Le opere consisteranno nella sostituzione dei pannelli di copertura, nella realizzazione di un controsoffitto nelle zone spogliatoi con l’interposizione di un isolante, realizzazione di un allaccio della rete comunale di gas metano; bonifica del serbatoio esistente di gasolio, riqualificazione della centrale termica, riqualificazione del locale tecnico con la sostituzione del boiler esistente, l’installazione di pannelli solari fotovoltaici.

“Grazie ad alcuni finanziamenti per l’efficientamento energetico cui abbiamo avuto accesso- evidenzia l’assessore Otello Numerini – l’Amministrazione comunale ha effettuato e sta ancora effettuando diversi interventi su varie strutture comunali, cva, impianti sportivi, scuole, ecc. L’obiettivo è di valorizzare il maggior numero di immobili pubblici, con attenzione riservata sia a quelli ubicati nella città compatta che a quelli periferici, in modo da restituirli, rinnovati ed in sicurezza, alla fruibilità dei cittadini. Si tratta infatti di strutture che svolgono molteplici funzioni, favorendo l’aggregazione e la socialità, il benessere fisico e la formazione.

In questo contesto assume particolare rilievo l’intervento relativo alla bocciofila di via Aretino, che, grazie al progetto in oggetto, ci permetterà di riqualificare un luogo molto frequentato dagli appassionati di ogni età e punto di riferimento per il quartiere”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*