Omphalos, al via il settimo torneo di volley, contro le discriminazioni e per i diritti

Omphalos al via il settimo torneo di volley contro le discriminazioni

Omphalos, al via il settimo torneo di volley, contro le discriminazioni e per i diritti

Dopo uno stop forzato di due anni a causa della pandemia torna finalmente a Perugia, sabato 26 febbraio, il torneo internazionale di pallavolo targato Omphalos, giunto ormai alla sua settima edizione. Atleti ed atlete provenienti da tutta Europa si ritroveranno insieme presso il Palabarton e presso il palazzetto dello sport di Torgiano, in quasi 200 arriveranno da Francia, Malta e da tante città italiane per contendersi i trofei in palio per questa edizione dell’Omphalos Volley Tournament.

«Il settimo Omphalos Volley Tournament – commenta Stefano Bucaioni, presidente dell’associazione – conferma la validità del progetto sportivo dell’associazione, nato ormai oltre 10 anni fa con la creazione di una squadra di pallavolo, e che quest’anno ha ripreso tutte le sue attività dopo il lungo stop forzato a causa della pandemia. Con il tradizionale torneo nazionale di febbraio, Omphalos vuole ribadire il valore dello sport come terreno di integrazione e palestra di tolleranza e attraverso lo sport parlare di diritti della comunità LGBTI (lesbica, gay, bisessuale, trans* e intersex), di lotta contro le discriminazioni e la violenza e di uguaglianza.»

Il gruppo sportivo di Omphalos è una realtà in continua crescita. Già nel 2017 si è aggiunta una squadra di nuoto, che anche quest’anno continua i suoi allenamenti settimanali presso la piscina Gryphus di Perugia. Da quasi quattro anni si allena settimanalmente anche Omphalos Goal, la squadra di calcetto dell’associazione, ultima nata e che ormai vede la partecipazione di oltre venti giocatori e giocatrici. Le nostre squadre raccolgono ormai oltre 60 atleti che si impegnano in un progetto che va oltre allo sport e la tecnica, offrendo un valore sociale e di inclusione importantissimo per tutta la comunità regionale.

«Quando si avvicina Il torneo annuale l’emozione è sempre tanta. Quest’anno più degli altri, perché dopo esserci fermati per due anni per garantire la sicurezza di tutte e tutti, torniamo finalmente a giocare e a promuovere un evento non solo divertente e sportivamente stimolante, ma che rappresenta un momento di grande valore sportivo e di forte integrazione per la comunità e un vero e proprio campo per l’autodeterminazione e la libera espressione delle singole identità e dei corpi – aggiunge Emanuele Bizzarri, responsabile sport di Omphalos – Mai come oggi è necessario lottare contro odio e omotransfobia. Assistiamo troppo spesso a episodi di discriminazione di genere e di violenza omo-transfobica, anche da spogliatoio, che avvengono in un contesto culturale e sociale caratterizzato da una sempre più preoccupante diffusione di odio contro tutto ciò che è diverso. Per questo motivo strumenti facilitatori di inclusione sociale e veicoli di messaggi di rispetto e di libertà come lo sport sono importantissimi per sensibilizzare la società e per contrastare discriminazione e violenza.»

Il coinvolgimento non solo di atleti e atlete, ma l’arrivo a Perugia di numerosi accompagnatori è un’occasione di visibilità e un’opportunità di divulgazione delle tematiche centrali per l’attività di Omphalos. Il boom di iscrizioni che abbiamo ricevuto quest’anno, che ci ha costretto a chiudere anticipatamente i termini per poter partecipare, oltre a renderci molto orgogliosi, conferma che il nostro torneo rappresenta ormai un appuntamento attrattivo e divertente. Importante novità di quest’anno è la collaborazione di Omphalos con la sezione soci Coop Centro Italia di Perugia 1 e con lo CSEN Perugia, sostenitori della settima edizione dell’Omphalos Tournament. Il torneo ha ricevuto anche il patrocinio della Regione Umbria, del Comune di Perugia e del Comune di Torgiano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*