“Mappatura servizi a misura di donna”, lettera di Fioroni (Lega) a Centro Pari Opportunità

“Promuovere una mappatura di tutti i servizi a misura di donna sul territorio regionale” – lettera di Paola Fioroni (Lega) alla presidente del Centro Pari Opportunità

“Ho inviato una lettera alla presidente del Centro Pari Opportunità, Caterina Grechi, per proporre alla sua attenzione e al Consiglio tutto un progetto che è già stato fatto in altri territori e di cui il CPO potrebbe tenere le fila e la regia con tutti i protagonisti delle reti della nostra regione”. Lo comunica il consigliere regionale Paola Fioroni (Lega – vicepresidente dell’Assemblea Legislativa), spiegando che “si tratta di promuovere una mappatura per informare le donne sui diversi servizi socio-sanitari, sociali ed educativi, lavorativi e culturali presenti in Umbria, con l’obiettivo di informarle ed aiutarle a scegliere, con maggiore facilità e consapevolezza, le molteplici realtà con le quali confrontarsi nelle varie fasi della vita: dall’adolescenza alla maturità, dalla gravidanza alla maternità, dalla fertilità alla menopausa fino alla terza età”.

“Credo convintamente – sottolinea il consigliere di maggioranza – che unendo ruoli e competenze si possa collaborare nel creare una rete in cui la mappa sia uno strumento di congiunzione tra istituzioni, servizi pubblici e privati, sociali ed educativi, lavorativi, culturali e sportivi che offrono azioni a misura di donna. Si arriverebbe così ad uno strumento virtuoso non solo per diffondere buone prassi ed impattare eventuali mancanze e criticità sul territorio, ma soprattutto in grado di fornire alle donne, in particolar modo se in situazione di disagio, in ogni fase della loro vita e in modalità multidimensionale, quanto viene offerto sul nostro territorio in tutti i settori, senza trascurare informazioni a supporto delle donne vittime di violenza. Accompagnare le donne in un percorso autentico di parità – conclude – significa creare inclusione reale e opportunità per le nostre comunità anche nell’ottica dell’implementazione di politiche familiari incisive”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*